• Lun. Ott 18th, 2021

Libera Campania lancia la campagna “100 passi in 100 giorni – contro camorre, corruzione e clientele”

“Un patto con la buona politica per sconfiggere camorre e corruzione”

Libera Campania, in vista delle elezioni amministrative del 3 e 4 ottobre 2021, ha lanciato stamattina a Napoli la campagna “100 passi in 100 giorni – contro camorre, corruzione e clientele”, un patto proposto ai candidati e alle candidate alla carica di sindaco/a e di consigliere/a comunale di tutti i comuni della Campania chiamati al voto. Il patto contiene sei proposte che la rete di associazioni dell’antimafia sociale ritiene prioritarie nella lotta alle camorre: politiche sociali, beni confiscati, educazione, memoria delle vittime innocenti, trasparenza e anticorruzione, usura, racket e gioco d’azzardo. Sei proposte per rigenerare le città, per un piano per la giustizia sociale ed ambientale.

“Nel nostro Paese e nella nostra Regione abbiamo assistito più volte a patti tra camorre, politica e imprenditoria” – afferma Mariano Di Palma, referente regionale di Libera – “È il momento di girare la pagina. Siamo noi pubblicamente a chiedere di fare un patto, chiedendo a tutte e tutti i candidati un impegno concreto contro camorre, corruzione e clientele; un patto con la “Buona Politica”: sei proposte di delibere da approvare per sradicare realmente i mali del nostro territorio e non trattarli sempre come scandali o emergenze”.

“La corruzione e le camorre devono uscire fuori dalle Case dei cittadini” – continua Federico Esposito, co-referente di Libera in Campania – “Le prossime elezioni amministrative sono un appuntamento fondamentale per il futuro della nostra Regione. In ballo ci sono anche le risorse del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza: guai se queste risorse finissero nelle mani delle mafie e dei gruppi di potere economico che vogliono decidere le sorti dei territori. Nell’ultimo periodo ci sono stati numerosi scioglimenti dei consigli comunali e altrettanti insediamenti delle commissioni di accesso prefettizie: dobbiamo fermare un’ulteriore degenerazione. La questione etica e morale non può essere ignorata da chi si candida ad amministrare”.

Immediatamente dopo le elezioni, la rete di Libera metterà in campo azioni di mobilitazione sociale e di monitoraggio civico. “Saremo spina nel fianco dei consigli comunali eletti. Abbiamo misurato troppo spesso solo retorica e risposte emergenziali alla violenza delle camorre e alla corruzione. C’è ora invece tutta l’urgenza di cambiare passo e di inchiodare la politica ad impegni seri e concreti per generare una nuova storia di cambiamento delle nostre città” – conclude Mariano Di Palma.

Tutte e tutti i candidati a Sindaco, ai Consigli Comunali e alle Municipalità delle città campane possono sottoscrivere le proposte inviando una mail all’indirizzo [email protected].

La pandemia ha reso più fragili le nostre città. Sono aumentate le diseguaglianze, i servizi come la scuola, i trasporti e la sanità sono più difficilmente accessibili, sempre più insicuri e scadenti, mentre il lavoro stabile continua a restare un miraggio o il desiderio forzato di chi emigra dal Sud Italia. Le periferie e le città di provincia sono sempre più abbandonate ed è in questi contesti che crescono e si alimentano la violenza e il potere delle camorre.

Le elezioni amministrative del 3 e 4 ottobre 2021 sono un appuntamento fondamentale per il futuro delle città. Questa volta ancora di più: al centro ci sono le risorse del Piano nazionale di Ripresa e Resilienza, che possono rappresentare una grande opportunità per cambiare il segno ad un futuro senza un’idea di sviluppo per il Mezzogiorno.

Guai se queste risorse finissero nelle mani delle mafie tra appalti e corruzione. Per questo serve una Politica rigorosa, disinteressata e libera dagli intrighi di potere e dalle clientele; dai legami corruttivi con i clan e con i gruppi di potere economico che vogliono decidere le sorti dei territori. I tanti scioglimenti dei consigli comunali e gli insediamenti delle commissioni di accesso prefettizie in diversi comuni della Campania mettono sotto gli occhi di tutti il pericolo di una ulteriore degenerazione e, al tempo stesso, l’emersione di una grande questione etica e morale che non può essere ignorata da chi si candida ad amministrare. La corruzione e le camorre devono uscire fuori dalla Casa dei cittadini.

Libera Campania lancia per questo la sua proposta: 100 passi in 100 giorni – 6 proposte concrete da attuare
contro camorre, corruzione e clientele e rigenerare le città attraverso un piano per la giustizia sociale ed ambientale
. Un patto che possono sottoscrivere i candidati e le candidate alla carica di sindaco/a e di consigliere/a comunale di tutti i comuni della Campania chiamati al voto. Un patto che i candidati e le candidate, nel firmarlo, riconosceranno come prioritario, impegnandosi a metterlo in atto una volta eletti.

Le 6 delibere comunali sono solo un primo passo concreto per cambiare direzione. Libera, immediatamente dopo le elezioni, con azioni di mobilitazione sociale e di monitoraggio civico, sarà spina nel fianco di coloro che hanno sottoscritto l’appello e dei consigli comunali eletti.
Abbiamo misurato troppo spesso solo retorica e risposte emergenziali alla violenza delle camorre e alla corruzione. C’è ora invece tutta l’urgenza di cambiare passo e di inchiodare la politica ad impegni seri e concreti per generare una nuova storia di cambiamento della città.

Tutte e tutti i candidati a Sindaco, ai Consigli Comunali e alle Municipalità delle città campane possono sottoscrivere le proposte inviando una mail all’indirizzo [email protected]

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Comunicato Stampa

I comunicati stampa