• Mer. Ott 27th, 2021

“2015 ANNO DELLA LUCE” LUCA BRACALI IN MOSTRA A NAPOLI A CASTEL DELL’OVO

DiThomas Scalera

Gen 12, 2015

T-9a47ba3482735019835694089b0c2127-698x470

Si è inaugurata sabato 10 gennaio presso la Sala delle Carceri di Castel dell’Ovo a Napoli, con il patrocinio del Comune di Napoli, la mostra 2015 Anno della Luce del fotografo, regista ed esploratore toscano Luca Bracali, a cura di Viviana Rasulo con il coordinamento tecnico – scientifico di Chiara Reale. Nell’”Anno internazionale della Luce e delle tecnologie basate sulla Luce”, indetto per il 2015 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, Bracali espone nell’imponente castello partenopeo una raccolta di 20 opere, in formato 140 x 100 cm., dedicata ai quattro elementi primari: aria, acqua, terra e fuoco. A tali elementi, alla base dell’ordine delle cose e dell’organizzazione dell’Universo, si unisce un quinto e importante elemento, la luce, con la quale Luca Bracali “disegna” e dà forma alle sue immagini, esprimendo nella sua vera essenza l’etimologia del termine “fotografia”: scrivere con la luce. Come ci dice Chiara Reale : “ Abbiamo diviso le foto seguendo un percorso ben preciso il primo percorso è diviso aria, acqua, terra e fuoco, e i luoghi dove lui è stato che con grande arte e amore per la natura egli ha saputo raccontare le bellezze che l’uomo a ma che tende ha distruggere”. Bracali ha viaggiato in 134 paesi, è autore di cinque libri e vincitore di quattro premi in concorsi fotografici internazionali. Dal 2008 è stato membro del APECS (Association of Polar Early Career Scientists) per i suoi contributi sull’ambiente pubblicati dai media. Nel 2009 è stato l’unico giornalista a raggiungere il Polo Nord geografico sugli sci. Nel 2010 ha debuttato nel mondo della fine-art photography e le sue immagini sono state esposte in musei e gallerie di Roma, Sofia, Kiev, Copenaghen, Montreal e New York. Ha firmato 96 servizi come regista per Rai 1 ed è stato ospite in 25 trasmissioni e TG delle reti Rai, come esploratore e documentarista. Il Minor Planet Center di Cambridge ha intitolato a suo nome il 198.616esimo asteroide scoperto. Tre dei suoi ultimi reportage sono stati pubblicati sul magazine National Geographic. Luca Bracali trascende la bellezza delle immagini, studiando con attenzione forme, luci e colori. Cogliendo la natura in tutto il suo splendore con profondo spirito di osservazione e spiccato senso artistico, crea un filo conduttore fra i vari elementi, tenendoli separati o unendoli fra loro.

10734045_1431976933759236_7708591500757691573_n

Dalle formazioni rocciose stratificate ai salar andini e ai vulcani, passando attraverso fiumi e cascate, Bracali, da sempre vicino alle tematiche ambientali, mostra la Terra nella sua eterea e candida bellezza, completando il percorso tematico con le misteriose ed affascinanti “luci del nord”, risultato di 17 spedizioni nell’Artico effettuate negli ultimi 6 anni. Bracali ha scoperto nella Norvegia, e soprattutto nelle isole Lofoten, il luogo più suggestivo per catturare l’essenza dell’aurora boreale, uno dei più straordinari fenomeni naturali già avvistato nel 1600 a Roma da Galileo Galilei. A più di 4 secoli di distanza, turisti e fotografi di ogni parte del mondo esplorano le regioni polari, artiche e antartiche, aree in cui questo straordinario spettacolo di luci danzanti e colori si manifesta maggiormente.

10407321_1431993770424219_5143722490690045318_n

Biografia di Luca Bracali

Luca Bracali 131 paesi visitati, autore di cinque libri e vincitore di quattro premi in concorsi fotografici internazionali, Luca Bracali ha dedicato i suoi venti anni di viaggio alla conoscenza del nostro pianeta, cercando di cogliere attraverso le sue immagini le problematiche ambientali legate allo scioglimento dei ghiacci.
Specializzato in reportage estremi in artico e antartico, Bracali nel 2009 è stato l’unico reporter a raggiungere il Polo Nord geografico in una eco-spedizione sugli sci. Ha pubblicato innumerevoli servizi su riviste di cultura, sport e viaggi, mentre le sue missioni artiche sono state documentate in oltre 40 interviste radiofoniche e televisive con dirette satellitari. I suoi incarichi lo hanno portato a lavorare a fianco dei più importanti scienziati e ricercatori polari e dal 2008 è membro dell’Apecs (associazione giovani scienziati polari) per i contributi diffusi a livello mediatico.
Il 2010 segna il debutto di Bracali nel mondo della fotografia d’arte e le sue immagini vengono esposte in musei e gallerie di Roma, Sofia, Odessa, Kiev e New York.
Dal 2011 la sua attività si estende anche a livello televisivo, diventando conduttore per un programma di viaggi in onda su Sky e di regista per una rubrica settimanale su Rai 1. Fra il 2012 e il 2014 tre suoi reportage sul restauro dei Moai nell’isola di Pasqua, sulla base artica “Dirigibile Italia” e sui più grandi radiotelescopi della terra, vengono pubblicati da National Geographic.

MOSTRE
– Giugno (21), 2013 Università Statale, Mariupol – “Ecosistemi”
– Aprile (23), 2013 Università Ecologica, Odessa – “Ecosistemi”
– Marzo (29), 2013 Museo di letteratura, Odessa – “Ecosistemi”
– Febbraio (05), 2013 Pinacoteca, Kerch – “Ecosistemi”
– Dicembre (12), 2012 Museo Etnografico, L’Viv – “Ecosistemi”
– Giugno (07), 2012 National Art Academy, Kiev – “Ecosistemi”
– Ottobre (10), 2011 Piazza Nettuno, Bologna – “Ecosistemi”
– Ottobre (10), 2011 Hotel Roma, Bologna – “Ecosistemi”
– Giugno (11), 2011 Museo S. Francesco, Montone (PG) – 1a Biennale Internazionale d’Arte
– Ottobre (14), 2010 Biblioteca Nazionale, Sofia, Bulgaria – “Viaggi reali ed immaginari”
– Settembre (27), 2010 Galleria degli Artisti, Burgas, Bulgaria – “La potenza dell’immaginazione: la creatività della scultrice e il terzo occhio del fotografo”
– Agosto (7), 2010 Pianeta Azzurro, Pietrasanta – “Viaggi reali ed immaginari”
– Giugno (4), 2010 Etna Photo Meeting, Catania – “Silenzi, colori e forme della natura”
– Maggio (24), 2010 Norweek010, Milano – “Norway. Powered by nature”
– Maggio (7), 2010 Fotografia Europea010, Reggio Emilia – “Incanti di natura”
– Maggio (7), 2010 Amarillo Art Gallery, Reggio Emilia – “Incanti di natura”
– Aprile (16), 2010 Agora art gallery, New York – “Altered states of reality”
– Marzo (27), 2010 Photoshow, stand Canson, Roma
– Marzo (20), 2010 Pinacoteca museo centrale, Fabriano – “Silenzi, colori e forme della natura”
– Marzo (5), 2010 Artribù art-house, Roma – “Rifrazioni”
– Novembre 2006 Il Bisonte art gallery, Firenze – “Viaggi e viaggiatori”
– Ottobre 2003 BZF Vallecchi gallery, Firenze – “Le ragioni del viaggio”
– Giugno 1995 Palazzo Arengario, Milano – “Canon Professione Fotografo”
– Aprile 1992 Ufficio del Turismo APT, Montecatini Terme – “Archetipi del grande nord”

PREMI
– Maggio 2011 Vincitore del primo premio categoria “Animal Community” nel Glanzlichter, concorso internazionale di fotografia.
– Maggio 2011 Vincitore di un highlight nella categoria “Nature as Art” nel Glanzlichter,
concorso internazionale di fotografia.
– Marzo 2007 Vincitore del premio internazionale “Orvieto Fotografia”, categoria reportage con il libro “I colori del viaggio”
– Febbraio 1995 Vincitore del “Fujifilm Euro Press Photo World Awards 1994” sezione reportage.

Castel dell’ Ovo

Via Eldorado, 3

Luca Bracali – 2015 Anno della Luce

dal 10 gennaio al 7 febbraio 2015

Orari: tutti i giorni dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18.00. Domenica dalle 10.00 alle 13.00

Info e contatti:

www.comune.napoli.it

www.lucabracali.it

[email protected]

[email protected]

[email protected]

Giovanni Cardone

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru