esteriNewsPagina NazionaleStoria

Arkansas 1957, Faubus dice ‘No’ agli studenti di colore

Il Governatore dell’Arkansas, Faubus, impiega la Guardia Nazionale per impedire a nove studenti di colore di entrare alla Central Hight School

Little rock – Arkansas, Stati Uniti. Siamo nel 1957 nello Stato di Arkansas, ai confini con il Missouri, il Missisipi, Louisiana, Texas e Oklahoma.

La situazione in America non è delle più semplici. Il razzismo è diffuso tra i cittadini bianchi, ed è una forma di odio nei confronti delle persone di colore. Rappresenta un fenomeno storico presente fin dall’epoca coloniale, anni in cui l’Europa si è macchiata di uno dei crimini più sanguinosi della Storia.

I privilegi e i diritti appartenevano ai bianchi americani, ma erano negati ai nativi americani ed a tutte le minoranze etniche.

Gli Europei in America, in particolare i ricchi, ottennero privilegi esclusivi in materia d’istruzione, immigrazione, diritto di voto, cittadinanza, acquisizione dei terreni. Intanto, le etnie considerate inferiori, dovranno lottare amaramente per ottenere pari opportunità. Lotte, scioperi, manifestazioni contro un sistema che non aveva fondamenta ma che portava avanti ideologie razziste senza logica alcuna.

Tanti gli eventi che hanno fatto la storia, tanti gli uomini che si sono impegnati per la tutela dei diritti dei cittadini di colore e di tutte le minoranze, che non potevano , tra le tante cose, frequentare la stessa scuola dei bianchi.

Il 24 Settembre 1957, però, accade qualcosa: Un episodio che ha fatto la storia. Il Governatore Faubus impiega la Guardia Nazionale per impedire a studenti di colore di frequentare la Central High School. Ad intervenire, il Presidente degli Stati Uniti Dwight D. Eisenhower, con mille uomini per consentire agli studenti di colore di avere l’istruzione adeguata senza limitazioni.

il Presidente Eisenhower – Arkansas 1957

Esemplare il suo discorso:

La base stessa delle nostre lotte e libertà individuali riposa sulla certezza che il Presidente e il ramo esecutivo del governo. Insieme, sosterranno e assicureranno l’esecuzione delle decisioni dei tribunali federali, anche, quando necessario, con tutti i mezzi al comando del Presidente.

Se ciò non avvenisse, ci sarebbe lanarchia. Ognuno,poi, dovrebbe provvedere a se stesso ma la Nazione ha interesse a far rispettare la legge e non cederà alla mafia sulle decisioni dei nostri tribunali”

Così, il Presidente degli Stati Uniti Eisenhower, aggiunse un importante tassello alla lotta contro il razzismo.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
Marianna D’Antonio
Classe '85. Attivista per la tutela degli animali, avida lettrice ed amante delle serie tv e film d'autore. "Il problema della razza umana e' che gli idioti sono assolutamente sicuri,mentre le persone intelligenti sono piene di dubbi." Bertrand Russell

Comments are closed.