• Gio. Lug 7th, 2022

A Somma Vesuviana torna “Il festival della Posteggia”

A Somma Vesuviana torna “Il festival della Posteggia”, conduce Magda Mancuso

Torna il Festival della Posteggia giunto alla quinta edizione. La manifestazione nasce da un’ idea del posteggiatore decumano Gioacchino Iovino, pronipote di un grande posteggiatore, Pasquale Iovino detto ” Pascal o Piattar”, perché in gioventù era stato decoratore di piatti. Nato nel 1865 ebbe momenti di gloria, aveva studiato con Caruso presso il maestro Vergine. Diventò famoso nei ristoranti di Posillipo e si esibi’ a Berlino, Pietroburgo a New York e fu chiamato a Corte dallo Zar NICOLA II. Dopo anni di gloria nel mondo, morì a Napoli il 10 agosto del 1957 al Morvillo l’ ospedale dei poveri, solo, povero e dimenticato.

Quest’ anno la quinta edizione del Festival si terrà presso la tenuta Donna Lucrezia a Somma Vesuviana, il 5 dicembre alle 18:00 sotto la direzione artistica di Gioacchino Iovino in collaborazione con l’associazione Graffito D’ Argento, la direzione musicale affidata al maestro mandolinista Raffaele Puglia, Regia Antonio Robilotta audio Pino Paollisi. Al timone del festival, per la seconda volta, la   presentatrice Magda Mancuso, giornalista e conduttrice tv campana, madrina della serata l’ attrice e cantante verace napoletana, Thayla.

Il mestiere della posteggia è molto antico, essa è l’ arte dei musicisti per strada. Il nome deriva dal ” Puosto” che stava ad indicare il luogo che essi occupavano per suonare. I posteggiatori  girano per i tavoli delle pizzerie, dei ristoranti e dei caffè, intonano canzoni classiche napoletane intrattenendo il pubblico con chitarre e mandolini. La posteggia è amata tanto anche dai turisti che spesso di proposito si recano nel centro storico di Napoli dove maggiormente si sviluppa questa grande tradizione Napoletana.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Comunicato Stampa

I comunicati stampa