• Mer. Mag 18th, 2022

Agropoli. Il cilentano Luciano Tarullo arriva sul palco del Teatro Ariston di Sanremo

Il cantautore sarà impegnato per la finale della 32° edizione di Sanremo Rock

AGROPOLI (SA). Luciano Tarullo, cantautore rock originario di Agropoli, arriva sul palco del Teatro Ariston di Sanremo per la finale della 32° edizione di Sanremo Rock.

«Sono molto emozionato all’idea di poter portare la mia musica, le mie canzoni, in quello che è il tempio della musica italiana. Il Sanremo Rock Festival è una vetrina molto importante a livello nazionale, ad esibirsi ci saranno molte band e artisti di primissimo livello che già hanno affrontato un’importante selezione. È anche un modo per confrontarsi con tante altre realtà musicali, un banco di prova importante sia per me che per la mia band».

Ad accompagnare Luciano ci saranno Frank Cara e Gianmarco Falivena alle chitarre, Roberto Guariglia al basso e Michelangelo Sarnicola alla batteria.

«La cosa che più mi gratifica sarà proprio il fatto di condividere questa grande esperienza con i miei amici, la band che mi segue e mi accompagna ad ogni concerto. La musica è un lavoro collettivo, un gioco di squadra. Avere una band fissa che mi supporto per me è fondamentale. Loro sono davvero dei musicisti di primo ordine e questo piccolo traguardo e anche merito loro».

Luciano sarà impegnato il 4, 5 e 6 Giugno per le finali. Venerdì 7 sarà la volta della finalissima a cui accederanno soltanto 16 artisti.

«Solitamente si dice sempre che quello che conta è partecipare. È vero anche in questo caso. Sarà un’esperienza da vivere fino in fondo. Però ormai che ci siamo daremo il massimo per cercare di arrivare tra i primi 16, e poi chissà…».

Leggi anche:

Maddaloni. Otto studenti del Villaggio dei Ragazzi all’A-Novo di Enzo Muscia

Caserta. Ospedale, accolto in Regione il progetto dell’area trapianti

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru