Gio. Set 19th, 2019

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Alife. La “Fiaccola della Pace” accende memoria e impegno nel ricordo di Geppino, Tony e dei giudici Falcone e Borsellino

9 min read

L’evento si è svolto mercoledì 22 maggio

ALIFE. L’Associazione di volontariato “Movimento Internaz. per la Pace e la Salvaguardia del Creato – III Millennio” della provincia di Caserta, in occasione delle celebrazioni storiche dei 100 anni della grande guerra ( 1914-2014/2018-2019) intendendo proseguire nei Comuni facenti parte del Parco regionale del Matese e nella provincia, percorsi formativi iniziati di “Educazione alla Pace, alla Nonviolenza e alla difesa del Creato”, in collaborazione con l’Istituto Comprensivo di Alife retto dalla prof.ssa Bernarda De Girolamo, anche quest’anno ha organizzato lo storico passaggio della Fiaccola della Pace dei 100 anni della grande guerra giunto ad Alife alla sua IV ed.ne, attraverso l’organizzazione della Marcia per la PACE, dedicata alla memoria delle vittime di tutte le guerre, stragi, attentati, terrorismo, criminalità, violenze e mafie di Alife e nel mondo, dai 100 anni ad oggi (come recita la dedica sulla targa dell’Albero della Pace). L’ evento si è svolto Mercoledi 22 Maggio 2019. Il desiderio di Pace, come il ripudio alla guerra ( art.11 della Costituzione) diventa diritto e necessità primaria da inculcare nelle giovani generazioni. Diventa urgente formarsi alla coscienza di Pace. I costruttori di Pace devono rafforzare il proprio impegno e la propria capacità di agire con efficacia e lungimiranza, riflettere insieme sui problemi più urgenti da affrontare (guerre, migrazioni..). Quest’anno, accanto al tema dei 100 anni, si affronterà la riflessione su un tema attuale legato sempre ai 100 anni della grande guerra, culminati nell’anno 2018 appena trascorso, dove proprio con la scuola in questo Comune, fu svolta la bellissima manifestazione commemorativa del centenario. L’edizione annuale della Fiaccola della Pace inoltre è stata dedicata al ricordo di alcuni testimoni della nostra terra, figli di Alife, impegnati in vita in cause di Solidarietà, di fratellanza, di Pace e di Giustizia. Entrambi sono stati vittime di stragi e attentati sui luoghi di lavoro. Si tratta di: “Giuseppe Macchiarelli” detto “Geppino”, fondatore dell’ Associazione “Solidarietà” , vittima del dovere sul lavoro, che cadde il 15 marzo 1995 durante la strage della Conservatoria degli Uffici immobiliari in S. Maria Capua Vetere ( viene ricordato nel brano: “Gli Uomini veri” accanto a tanti testimoni di Pace e di Giustizia, a lui è stata intitolata una strada), e del finanziere scelto “Antonio Sottile” detto “Tony”, caduto durante un ‘attentato a Brindisi la notte tra il 23 e 24 febbraio dell’anno 2000 mentre inseguiva con alcuni colleghi un convoglio di contrabbandieri. Alla sua memoria fu già dedicato il monumento nella Villa Comunale ( il suo nome viene letto ogni anno, insieme al nome di tutte le vittime innocenti delle mafie, durante la “Giornata della Memoria e dell’Impegno” che ricorre il 21 Marzo). Questi figli della nostra terra, rappresentano validi esempi per i nostri giovani oggi sempre più in cerca di veri ideali. Inoltre, nella vicinanza della data, è stata ricordato il 27° anniversario della Strage di Capaci ( che ricorre il 23 Maggio) e i giudici Giovanni Falcone, Paolo Borsellino, Francesca Morvillo, e gli Agenti delle scorte. Nell’area del “Giardino della Pace” dove si trova il monumento vivo sempreverde dedicato a tutti i caduti delle guerre di Resistenza, ossia l’Albero della Pace, piantumato durante la 1° Ed.ne della Fiaccola della Pace, e la “Panchina della Pace e della Nonviolenza”, inaugurata lo scorso anno durante la precedente edizione della manifestazione, è stato messo a dimora un bonsai di ulivo con targhetta, in memoria perenne di “Giuseppe Macchiarelli” e di “Antonio Sottile” L’albero è stato offerto dalla Comunità Montana del Matese presente con il Consigliere Alfonso Frasca. Un altro albero di magnolia già presente nell’ area è stato intitolato e dedicato ai giudici “Giovanni Falcone”, “Paolo Borsellino” e agli agenti delle scorte che persero la vita durante le “Stragi di Capaci”( 23 Maggio 1992) e di “Via D’Amelio”( 19 Luglio 1992). Davanti al Monumento dedicato ad Antonio Sottile in Villa comunale, alla presenza dei Sindaco di Alife Dott.ssa Maria Luisa Di Tommaso, del finanziere e consigliere comunale M° Luigi Zazzarino, dei familiari dei due figli alifani, della Comunità Montana, dell’Associazione “Combattenti e Reduci”di cui presidente è il prof. Raffaele Civitillo, ( sezione matesina), presente con il prof. Mimmo Civitillo e altri soci e con lo stendardo, del Circolo 3a età presente con la bandiera associativa, della Pro Loco, dell’Associazione Papa Francesco con la Presidente Anna Zulla e alcuni volontari, del Movimento Agende Rosse Paolo Borsellino, del Movimento per la Vita, dell’Associazione Papa Francesco con la Presidente Anna Zulla e alcuni volontari, dei rappresentanti del Movimento per la Pace e altre Istituzioni presenti, è avvenuta da parte della Presidente del Movimento per la Pace, l’accensione e la consegna all’alunno rappresentante della scuola, della “Fiaccola della Pace” che ha dato inizio alla Marcia per la Pace. Quindi il corteo si è snodato lungo il corso principale del centro storico della cittadina in Via Roma, per poi giungere in Piazza Vescovado e di lì prendere la direzione per Via Volturno per poi terminare nel piazzale antistante la scuola dell’infanzia dove davanti all’Albero della Pace. Qui dopo un breve saluto da parte del Sindaco di Alife Maria Luisa Di Tommaso, del Consigliere e finanziere Luigi Zazzarino, i quali hanno ricordato l’importanza di queste iniziative formative, nel ricordo di quanti hanno dato la loro vita per difendere i valori della Pace, e dell’importanza dell’istruzione e della penna quali strumenti di informazione e di conoscenza per la risoluzione dei problemi. Due alunni della primaria coordinati dalle docenti Alfonsina Sasso e Tiziana Castiello ( insieme a Maria Pia Biondi assente per motivi personali), vestiti con un abito bianco raffigurante due angeli ( Geppino e Tony che si sono incontrati in cielo) , hanno inscenato un commovente colloquio attraverso il quale i due amici “Giuseppe ( detto Geppino) e Antonio (detto Tony)” si sono incontrati in Paradiso e in uno scambio di battute hanno parlato delle loro reciproche gesta compiute in vita. Un bellissimo colloquio che ha davvero commosso tutti, compreso i familiari dei due figli di Alife; per Macchiarelli erano presenti: la moglie Sign.ra Angela Zoccolillo ( che è anche impegnata direttivo del Movimento per la Vita), lo zio Giammario Frattolillo, il fratello Giancarlo insieme alla moglie Annamaria; mentre per Sottile: la zia Raffaela Cassella, che per Tony fu come madre, avendo egli perso la propria madre da piccolo. Dopo gli interventi degli alunni è seguita la cerimonia di piantumazione dell’albero di ulivo dedicato alla memoria di Geppino e Tony, seguita dall’inaugurazione della Targa di dedica dell’albero, a cui hanno presenziato i familiari dei due figli di Alife, il SIndaco Maria Luisa Di Tommaso, il finanziere e consigliere Zazzarino, gli alunni rappresentanti della scuola, il Movimento per la Pace con la Presidente Agnese Ginocchio, il vice Presidente prof. Gino Ponsillo, che ha letto le citazioni riportate sulla targa, i due consiglieri del Direttivo prof.Carlo Pastore e prof.ssa Rosa Arbolino . Quindi, dopo la piantumazione dell’albero ci si è spostati verso la pianta di magnolia dedicata a Giovanni Falcone, Paolo Borsellino e agli agenti delle 2 scorte. Qui, il rappresentante del Movimento Agende Rosse Paolo Borsellino, Dott. Mimmo Marzaioli, è stato chiamato per inaugurare la targa di dedica, a cui hanno partecipato sempre i familiari dei due figli di Alife, il Sindaco, il Movimento per la Pace e le Istituzioni presenti. Il rappresentante del Movimento antimafia Marzaioli, ha ricordato l’importanza di difendere il valore della Pace, che deve essere affermato a livello istituzionale, giacché la legalità ormai, senza la lotta all’ingiustizia e la difesa della verità, diventa solo nominalismo senza azione. Quindi ha denunciato come ancora oggi a 27 anni di distanza dalle stragi di Capaci e Via D’Amelio, a causa dei tanti depistaggi e silenzi, ancora non è emersa la verità fino in fondo, proprio a causa della corruzione infatti si nasconde proprio all’interno delle istituzioni. Infine, riprendendo le parole della Presidente Agnese Ginocchio, ha ribadito l’importanza del movimento culturale che deve nascere soprattutto fra i giovani,un movimento che non muore, ma che dalle idee di Giovanni e Paolo, deve camminare sulle gambe di tutti. Nel salutare i presenti, ha alzato con la mano l’agenda rossa di Paolo Borsellino, ovvero quell’agenda sulla quale il giudice annotava tutto, scomparsa “misteriosamente” proprio il giorno della strage di Via d’Amelio. Quindi il prof. Carlo Pastore ha declamato una sua bellissima composizione poetica dal titolo “Confini”, dedicata al tema della Pace che abbatte tutti i muri. Altri brevi interventi da parte del Circolo 3a età con il Presidente Francesco Montalbano, il quale ha ricordato di aver conosciuto durante i suoi anni di servizio, il giudice Giovanni Falcone. Poi ha concluso ricordando una frase del giudice: Chi ha paura muore tutti i giorni, chi non ha paura muore un giorno solo”. La prof.ssa Renata Cirioli referente della secondaria di 1°grado, presente con alcune docenti che hanno accompagnato gli alunni, è intervenuta portando i saluti della Dirigente scolastica Bernarda De GIrolamo, impossibilitata a partecipare per impegno urgenti. Tra i partecipanti anche il prof. Giovanni Guadagno ex Sindaco di Alife. ed il Dott. Ennio Antonio Isabella, ex Direttore sanitario dell’Ospedale Civile di Piedimonte Matese, un Amico della Pace, che è intervenuto portando il suo messaggio ricordando che la Pace si può ottenere solo quando vengono applicate le regole della convivenza civile ed il rispetto fra gli uomini, abbattendo ogni condizione che porta all’illegalità, a parre al traffico illegale di esseri umani e clandestini che genera un circolo vizioso di illegalità. Gli alunni delle secondarie hanno realizzato dei cartelloni sul tema della Pace, ricordando i giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e un cartellone dedicato alla storia di Giuseppe Macchiarelli e Antonio Sottile. Alle docenti delle primarie e delle secondarie di 1° grado sono stati consegnati attestati di ringraziamento per l’impegno profuso. La Presidente del Movimento per la Pace Agnese Ginocchio durante la consegna degli attestati ha elogiato l’eccellente e non facile lavoro delle docenti dell’ Istituto Comprensivo di Alife e ha ricordato l’importanza della scuola nel nostro territorio, che ancora una vota grazie all’impegno di tutte queste brave insegnanti, diventa punto di riferimento e maestra per l’intera comunità. Rivolgendosi alle docenti ha espresso gratitudine e ricordato il loro ruolo di educatrici ai valori fondanti, un lavoro che rappresenta una missione di vita. Al prof. Enzo Coluni è stata affidato di curare la parte audio della giornata. L’evento è stato patrocinato dal Comune di Alife, dalla Provincia di Caserta, dal Parco Regionale del Matese, dalla Comunità Montana del Matese retta dall’Avv. Domenico Scuncio a cui va un sentito ringraziamento per aver donato l’albero e dalla Consulta delle Associazioni del Matese. Un ringraziamento anche alla Polizia Municipale per il servizio ordine e sicurezza effettuato durante la manifestazione e a Media Tv per le riprese dell’ inviato Antonio Del Riccio ed il servizio della giornalista Federica Landolfi, andato in onda al Tg MediaNews e a breve di uno “Speciale ” dedicato all’evento. La motivazione riportata sulla targa di dedica dell’albero di ulivo in memoria di Giuseppe Macchiarelli e Antonio Sottile( riportata sulle pergamene consegnate ai familiari) recita questa dicitura: ” Giuseppe Macchiarelli, Di Alife, fondatore dell’ “Associazione Solidarietà”, martire sul luogo di lavoro nella “Strage della Conservatoria degli Uffici immobiliari” di Santa Maria Capua Vetere(Ce), avvenuta il 15 Marzo 1995″. “L’Amore ha per sua patria il Cielo, dove non esisterà più il tempo ma l’Eternità. Il vero Amore è Dono libero disinteressato. E’ l’offerta della propria Vita.. e donando si possiede Tutto. Qui sta la Radice del Paradiso che verrà Domani.. Ma per chi sa veramente Amare il Paradiso comincia già qua ( dai suoi scritti)”. * ” “Antonio Sottile, Di Alife, Finanziere scelto, Medaglia d’oro al Valor Civile, martire di mafia caduto nell’ attentato a Brindisi, con il collega Alberto De Falco, la notte tra il 23 e 24 Febbraio 2000, mentre inseguivano un convoglio di contrabbandieri. ““Splendido Esempio di grande ardimento ed elette virtù civiche, spinte fino all’estremo sacrificio personale.” (Dall’Encomio di conferimento) ° “ Ogni Uomo è vero quando lascia un Segno che non andrà più via” (A.G.) *

Leggi anche:

Sessano del Molise. Tentato furto al Comune: arrestati due campani

Limatola. Sport e Latino, progetti di eccellenza per l’Istituto Comprensivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open