Mar. Set 17th, 2019

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Alife. Terremoto nel centro Italia, “Toro Per Alife” chiede le verifiche nelle scuole

3 min read
Roberto Vitelli
Roberto Vitelli

ALIFE. Il gruppo di opposizione “Toro Per Alife”, costituito dai consiglieri comunali Vitelli Roberto, Visone Michela, Ginocchio Caterina e Palmieri Enrico, nel mese di settembre scorso, all’indomani del forte terremoto verificatosi nel centro-Italia che ha visto come epicentro i Comuni di Amatrice e Accumoli, in provincia di Rieti, avvertito anche in Campania, e in considerazione del fatto che sulle nostre scuole non erano stati effettuati lavori di risanamento statico ed adeguamento sismico poiché il Comune di Alife ha perduto il finanziamento di oltre 6 milioni di euro concessogli, con comunicazione prot.7992/2016 del 7/9/2016, ha richiesto al Sindaco, all’Amministrazione comunale ed ai responsabili degli uffici tecnici di effettuare una concreta attività di monitoraggio, verifica e controllo della staticità degli edifici scolastici pubblici (anche attraverso la caratterizzazione dei materiali, prove di carico, utilizzo di moderne tecnologie etc.) ai sensi della vigente normativa in materia di sicurezza e di edilizia scolastica e di informare la cittadinanza sulla effettiva sicurezza delle nostre scuole.
Immediatamente, sui social, sui vari blog e sui giornali, il nostro gruppo consiliare ha subito un violento attacco ed è stato finanche accusato di fare “sciacallaggio” sulla problematica relativa all’edilizia scolastica.

Successivamente, in data 16 settembre 2016, il Sindaco, con nota prot.8430/16, ci ha comunicato che già in data 26 agosto era stata effettuata dal tecnico comunale e dall’assessore delegato una ricognizione degli edifici scolastici per stabilire gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria da effettuarsi e che l’amministrazione comunale aveva conferito un incarico professionale ad un tecnico di comprovata esperienza in materia di ingegneria strutturale per il rilascio delle certificazioni di agibilità statica degli edifici scolastici.

Oltre un mese dopo dalla nostra richiesta di accesso agli atti, abbiamo finalmente ricevuto copia delle relazioni tecniche e dichiarazioni di idoneità statica del 13.9.2016 a firma dell’ing.F.Palmieri relative ai vari edifici scolastici: scuola secondaria di primo grado “N.Alunno” in via Gramsci; scuola primaria “ P.Farina”in Piazza L.Vessella; scuola dell’infanzia e primaria in via Volturno; scuola dell’infanzia Frazione S.Michele in via Forma; scuola primaria “Frazione di S.Michele”; scuola dell’infanzia e primaria “Frazione di Totari”.

In ciascuna delle suddette relazioni, il citato professionista ha dichiarato che, a seguito delle visite ricognitive e dei sopralluoghi svolti, non essendo stato modificato il precedente assetto strutturale degli immobili, gli edifici scolastici comunali potessero assolvere alle loro funzioni statiche (solo carichi gravitazionali), ma che non erano adeguati alla normativa antisismica vigente. Pertanto, il tecnico incaricato ha invitato l’amministrazione comunale a procedere con estrema celerità ad una campagna di indagine su tutti gli edifici scolastici comunali finalizzata alla “ valutazione della sicurezza sismica” degli immobili, con individuazione del relativo valore dell’ ”indice di rischio sismico”, onde poter valutare gli eventuali interventi di “adeguamento sismico” da effettuarsi.

Ebbene, a quasi due mesi di distanza dalla suddette relazioni del suddetto professionista, l’amministrazione comunale ed i tecnici dell’Ente sono rimasti assolutamente inerti, perché nessuna indagine di valutazione della sicurezza sismica degli edifici scolastici è stata effettuata. Ciò che è grave e che l’amministrazione comunale non solo ha respinto al mittente le richieste del gruppo di opposizione che aveva richiesto che fossero effettuate serie verifiche statiche sulle scuole, ma soprattutto non ha dato seguito alle indicazioni del professionista –ingegnere strutturale – da essa stessa incaricato, che ha sollecitato un’indagine celere sul possibile rischio sismico dei nostri edifici scolastici.

In ultimo, riguardo al sopralluogo effettuato, nella giornata di ieri, dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco nel plesso scolastico “ P. Farina”, è evidente che, essendo stata accertata la presenza di lesioni in alcune aule, il Sindaco non poteva esimersi dall’emettere la relativa ordinanza di chiusura della scuola, altrimenti si sarebbe assunto delle gravi responsabilità. Pertanto, il nostro gruppo di opposizione sollecita ancora una volta l’amministrazione comunale e gli uffici tecnici competenti ad effettuare le verifiche sismiche sugli edifici scolatici comunali nell’interesse di tutti e certamente non per compiere sterili atti di speculazione che sono estranei al nostro modo di concepire il ruolo di pubblici amministratori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open