• Sab. Gen 22nd, 2022

Alife. Una piazza e una via intitolate ai caduti sul lavoro Emilio e Marco Palmieri e Pasquale Ceniccola

DiThomas Scalera

Feb 27, 2017

ALIFE. Solo nel 2016 sono stati 641 i lavoratori deceduti sui luoghi di lavoro e oltre 1400 se si considerano i lavoratori morti sulle strade. Anche Alife ha pianto in passato tre vittime venute a mancare in un tragico incidente accaduto il 23 agosto 1993. Con una delibera di giunta, n. 17 del 21 febbraio scorso, si è proceduto all’intitolazione di una piazza e una strada ai fratelli Emilio e Marco Palmieri e a Pasquale Ceniccola.
I tre giovani alifani Emilio, Marco e Pasquale, avevano rispettivamente 27,23 e 31 anni quando un brutto incidente sul lavoro li portò via dall’affetto dei loro cari. Ed è proprio a questi tre giovani alifani che si è voluto intitolare il piazzale a Porta Piedimonte, “Piazza Fratelli Emilio e Marco Palmieri” e la via che parte dalla strada provinciale 149 Piedimonte-Sant’Angelo, dalla Chiesa Nuova di San Michele sino a via Valle Spagnola, “via Pasquale Ceniccola”.
“Per non dimenticare il sacrificio di tre giovani lavoratori della nostra amata Alife abbiamo voluto formalizzare queste intitolazioni. Ci sarà una cerimonia durante la quale l’amministrazione che mi onoro di rappresentare accoglierà con immenso piacere anche i familiari delle vittime”. A dichiararlo il sindaco Salvatore Cirioli.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru