• Ven. Ott 22nd, 2021

Alife/Dragoni. Ponte Margherita, la relazione conclusiva. Da abbattimento a “rinforzi mirati”

DiThomas Scalera

Dic 28, 2016

ALIFE/PIEDIMONTE/DRAGONI – Alla fine la relazione è arrivata ed è tranquillamente visionabile (qui il file 1 e il file 2).

Quello che all’inizio era sembrato un goffo tentativo di utilizzare dei soldi pubblici per l’abbattimento e la ricostruzione di un ponte VITALE per i trasporti e l’economia matesina.

Dopo le recenti prove di carico, infatti, e dopo il terremoto di dimissioni che ne ha fatto seguito, pare che adesso ci si stia orientando verso un ben più sobrio “rinforzo mirato” che suona molto diverso dall’ “è da abbattere e ricostruire” con il quale la Provincia ha cercato di convincere i cittadini di quell’area fino ad oggi.

La solita questione intricata che, come sempre, danneggia i cittadini dell’area, le attività economiche e la logistica delle aziende. D’altronde la relazione è chiara, le prove di carico hanno scongiurato il pericolo di crollo imminente, e quindi, le paure (vere o indotte da secondi fini) sono sparite quasi tutte. Ora resta da capire quando il ponte tornerà pienamente percorribile, e quando i cittadini potranno averne di nuovo il pieno utilizzo, poiché al momento non sussistono le motivazioni per cui è stato chiuso. Tra l’altro, al momento, la Provincia è allo sbando, e crediamo non si occuperà in tempi brevi della questione.

Intanto, ci segnalano, la gente ha rimosso autonomamente le transenne e il “ponte chiuso” attualmente è transitabile da ambo i lati, ma questa situazione non può essere sufficiente perché è il momento di capire le responsabilità, che qualcuno dovrà assumersi, di tutto questo pastrocchio targato Di Costanzo & Co.

Vi terremo informati.

Potrebbe interessarti: https://www.v-news.it/ponte-margherita-i-meetup-dellalto-casertano-prendono-una-posizione/

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru