• Mar. Ott 19th, 2021

Allarme violenza a Napoli. La nuova sfida delle baby gang: pestato un ragazzo di 15 anni

DiThomas Scalera

Gen 13, 2018

GIUGLIANO. Ennesimo episodio di violenza da parte di baby gang a Napoli: un ragazzo di 15 anni, residente a Melito, è stato aggredito e picchiato da un gruppo di una quindicina di giovanissimi. L’ episodio è accaduto ieri sera  all’esterno della metropolitana di Chiaiano, alla periferia del capoluogo partenopeo. Una scena violenta che ha spaventato i passeggeri  della metropolitana, un vortice di follia e violenza, nel giro di pochi minuti, lo sfortunato  è stato preso a calci, a pugni, ancora a spintoni.  Senza una  vera  motivazione. Gaetano come Arturo, vittime delinquenziali  di un branco di coetanei, in una città che non riesce a ribellarsi definitivamente  alla microdelinquenza giovanile.  La vittima era in compagnia di due cugini. Portato in ospedale dallo zio, il 15enne ha riportato lesioni alla milza ed è stato  sottoposto ad un delicato intervento chirurgico. Sull’episodio indaga il commissariato della polizia di Stato di Giugliano. Non sono ancora note le cause dell’aggressione.  Un  vero  è  proprio assalto, una vera gang, che  ha aggredito lo sfortunato ragazzino senza pietà. I due cugini sono riusciti ad allontanarsi, il terzo invece ahinoi è rimasto in totale  balia degli aggressori che hanno infierito su di lui con pugni e calci,  lasciandolo a terra ferito. Sull’episodio indagano adesso i poliziotti del commissariato di Giugliano, diretti da Paolo Auriemma, gli stessi poliziotti del commissariato stanno cercando di capire la dinamica della motivazione dell’aggressione contro lo sfortunato quindicenne.

Aggiornamento ore 15.26: Dopo la vicenda di Arturo, questa volta la microdelinquenza ha colpito mio figlio Gaetano. Queste sono le parole della mamma, che ha poi tuonato ai canali di comunicazione nazionali  ribadendo la sua preoccupazione:” purtroppo non è finita la problematica della violenza, a Napoli la violenza per strada continua. “Violenza assurda”, tuona  invece preoccupato  il questore”. ” A chi toccherà questa volta?” si chiede preoccupata  la mamma del 15enne aggredito  all’ingresso della stazione metro linea 1 di Chiaiano ieri pomeriggio.

Gaetano, 15 anni, è stato percosso da un branco di una quindicina di ragazzini delinquenti  ieri pomeriggio. Adesso è in ospedale, dove a seguito di un’operazione gli è stata asportata la milza lesionata. Intorno alle 18.30 di ieri era in compagnia di due cugini  stava andando a Qualiano quando è stato  aggredito violentemente senza una valida spiegazione,  da un gruppo di giovanissimi  coetanei.

E dopo il ferimento del figlio 15enne la mamma lancia un appello: “Chi ha visto qualcosa che può servire alle indagini condotte dalle  forze dell’ordine ci aiuti,  ma soprattutto sporga denuncia”, la nostra città non può morire.

Aggiornamento ore 15.31: Preoccupato il questore di Napoli Antonio De Iesu. Le forze dell’ordine sono da ieri in allerta, la caccia agli aggressori continua. Il questore si rivolge ai napoletani, ribadendo queste parole: “basta con l’omertà, chi ha visto parli.” Le indagini sono in corso, dalle prime notizie investigative trapelate il branco dei delinquenti ha preso di mira lo sfortunato 15 enne per futili motivi. Le indagini continuano, si attendono dinamiche più accurate su ciò che è accaduto ieri pomeriggio.

https://www.v-news.it/napoligiugliano-campania-rapinavano-gli-autotrasportatori-due-arresti/

Napoli. Rissa nel campo rom di Ponticelli: un morto

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru