• Sab. Ott 16th, 2021

Alto Casertano. Sequestrati beni per 53 milioni di euro a due imprenditori vicini ai Casalesi

DiThomas Scalera

Lug 6, 2015

finanza-carabinieri-operazione-congiunta-765x510

ALVIGNANO/BAIA E LATINA/DRAGONI/FONTEGRECA. Beni per 53 milioni di euro (immobili, società e terreni) sono stati sequestrati da Gico e Ros su richiesta della Dda di Napoli a Claudio Schiavone e Antonio Piccolo, ritenuti imprenditori vicini al clan dei Casalesi, arrestati il 3 aprile nell’inchiesta sulla Cpl Concordia e i lavori di metanizzazione in 7 comuni del Casertano, tra i quali Alvignano, Dragoni, Fontegreca e Baia e Latina. In data odierna il ROS Carabinieri ed il GICO della Guardia di Finanza di Napoli, a seguito di una articolata attività di indagine, hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo emesso dal GIP del Tribunale di Napoli nei confronti di Piccolo Antonio e Schiavone Claudio, già destinatari di ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. di Napoli per associazione di stampo camorristico. Il Gip, con due diversi provvedimenti, ripercorrendo la storia criminale dei due imprenditori su indicati, ritenuti affiliati al clan dei casalesi e precisamente alle famiglie Schiavone e Zagaria e richiamando gli elementi indiziari contenuti nelle ordinanze di custodia cautelare in carcere, ha disposto il sequestro di beni immobili e società riconducibili a Piccolo Antonio e a Schiavone Claudio ed intestati a vari componenti delle loro famiglie. Gli elementi indiziari acquisiti nel corso dell’attività di indagine hanno consentito di accertare che nel corso del tempo il Piccolo e lo Schiavone avevano accumulato un rilevante patrimonio composto da beni mobili ed immobili di diversa natura, oggetto di sequestro, di seguito indicati:
Beni sequestrati a PICCOLO Antonio (per un valore complessivo di circa 8 milioni di euro):
2 ville; 14 appartamenti; 4 appezzamenti di terreno; locale adibito ad ufficio; box; 3 società (“COIGAS s.r.l.”, “AGM Costruzioni S.p.A.” in liquidazione, “COGEPI s.r.l.”) operanti nel settore edilizio e relativi beni strumentali.
Beni sequestrati a SCHIAVONE Claudio (per un valore complessivo di circa 45 milioni di euro):
88 immobili; 2 società di capitali; 1 impresa individuale; 3 quote societarie; 2 autovetture; 1 motociclo.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru