News

Aperitivi entro le 18. I cittadini vogliono più controlli

Nei giorni scorsi, con le belle giornate, gli assembramenti davanti ai bar con mascherine abbassate o addirittura non indossate. I cittadini di tanti comuni del casertano, però, iniziano a indispettirsi, considerando che i contagi sono risaliti e la Campania ieri registrava un indice r.t dello 0,98 %. Con questi dati, purtroppo, ci avviciniamo a quelli delle regioni poste in zona rossa ed è un rischio che avremmo dovuto non correre date le rinunce fatte già abbondantemente nei mesi precedenti.

Passando per le vie più importanti dei vari comuni, nel pomeriggio, prima delle 18 è facile notare a occhio nudo e a distanze anche abbastanza notevoli, la presenza eccessiva di giovani senza mascherine che sorseggiano aperitivi senza rispettare le distanze interpersonali di sicurezza e senza l’utilizzo delle mascherine. Il lamento dei cittadini sostanzialmente è riferibile al fatto che potremmo avere conseguenze gravi in termini di restrizioni e a pagare sarebbero ancora una volta i bambini più piccoli e gli anziani, a cui già è stato tolto abbastanza durante questo lungo anno.

Proprio durante questi orari, andrebbero fatti i dovuti controlli, gli aperitivi entro le 18 sono “consentiti” ma non in questo modo. Occorre rispettare le distanze di 1 mt l’uno dall’altro, non andare in gruppo e indossare la mascherina sempre, toglierla solo nel momento in cui si beve, non per chiacchierare e scherzare tranquillamente. Sono vietati gli abbracci, i baci e gli scambi di sigarette o quant’altro. Questo deve essere chiaro.
L’appello della popolazione si rivolge alle autorità, che devono fare attenzione al rispetto delle regole anticovid da parte dei clienti, ai ragazzi che seppur giovani dovrebbero contribuire al benessere sociale in un momento così critico, ai genitori dei ragazzi. La preoccupazione è che a causa di questi comportamenti tutti vadano a perdere quel poco di libertà che ci è stata concessa e che il virus, invece di fermarsi, dilaghi ancora più velocemente.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
Antonella Viccaro
1992 diplomata nel 2010 presso il Liceo Pedagogico e delle Scienze Umane di Vairano scalo. Autrice del romanzo " La bambina che ha conosciuto il ferro" 2019.

    Comments are closed.