Antica Terra di LavoroBreaking NewscampaniaCronaca

Arpaia. Atti persecutori alla ex moglie: arrestato 38enne

Atti persecutori alla ex moglie ad Arpaia: arrestato un uomo della provincia di Caserta

ARPAIA (BN). I carabinieri di Arpaia hanno arrestato un 38enne, censurato, della provincia di Caserta, poiché ritenuto responsabile dei reati di atti persecutori e violazione della misura del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa cui era sottoposto.

Nel dettaglio, a seguito di una richiesta giunta ai militari, nella quale si richiedeva intervento per  un’aggressione subita da una donna ad Arpaia, sul posto veniva inviato immediatamente equipaggio dei carabinieri.

Appena giunti i militari verificavano che, nei pressi di un esercizio pubblico, situato sulla SS 7 Appia,  il 38enne stava aggredendo sia verbalmente che fisicamente la ex moglie e una persona con cui intrattiene una relazione sentimentale. Nella circostanza si accertava che il 38enne, aveva inoltre violato la misura del divieto di avvicinamento nei luoghi frequentati dalla persona offesa, cui era stato sottoposto a seguito di precedente arresto, operato nel mese di aprile 2021 nella provincia di Caserta per i medesimi reati commessi nei confronti della ex moglie.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
Redazione V-news.it
Il bot redazionale

    Comments are closed.