• Mer. Giu 19th, 2024

Caso Saman Abbas: Arrestata la madre in Pakistan

I carabinieri nei pressi del casolare dove sono stati trovati dei resti umani che potrebbero essere di Saman Abbas, Novellara (Reggio Emilia), 19 novembre 2022. Un cadavere dentro un sacco nero, a circa due metri di profondità. E' questo che hanno trovato i carabinieri a Novellara a meno di cinquecento metri dalla casa dove viveva la famiglia di Saman Abbas alle dipendenze di un'azienda agricola. Sono in corso i rilievi del Ris che proseguiranno nelle prossime ore e sono presenti carabinieri di Reggio Emilia e Vigili del Fuoco. ANSA/ CARABINIERI +++ ANSA PROVIDES ACCESS TO THIS HANDOUT PHOTO TO BE USED SOLELY TO ILLUSTRATE NEWS REPORTING OR COMMENTARY ON THE FACTS OR EVENTS DEPICTED IN THIS IMAGE; NO ARCHIVING; NO LICENSING +++ (NPK)

Nazia Shaheen, condannata all’ergastolo per la morte della figlia Saman Abbas, è stata arrestata in Pakistan. La donna era latitante da molti mesi

I giudici credono che sia responsabile della morte della figlia

Fonte: LA7 – Saman Abbas con sua madre Nazia

Novellara. Dopo mesi di latitanza la madre di Saman Abbas, Nazia Shaheen è stata arrestata in Pakistan in un villaggio vicino al Kashmir per l’omicidio della figlia.  La donna era l’unica imputata ad essere latitante in quanto scomparsa inseguito al tragico episodio che ha portato alla morte la giovane Saman e su di lei c’era un mandato di cattura internazionale.

La Corte d’Assise di Reggio Emilia l’aveva condannata, lo scorso Dicembre, per l’omicidio della loro figlia insieme al marito.

Caso Saman

Saman era una ragazza di diciotto anni uccisa presumibilmente dalla madre e sotterrata in un casolare perché si rifiutava di sposare un parente molto più grande di lei. Le indagini hanno portato alla scoperta del cadavere e di un funerale dignitoso per la vittima. La Corte d’Assise ha condannato i genitori della ragazza, accusati di omicidio, in cui, inizialmente erano coinvolti anche uno zio ed un cugino.

A dare testimonianza del tragico incidente, il fratello minore della famiglia, ora sotto custodia, che ha raccontato i fatti.

Gaetano Paci è il Procuratore a Reggio Emilia che non ha mai smesso di cercare la donna e di grande aiuto, è stato l’intervento dell’Interpol e le autorità in Pakistan. Ad ora, la donna dovrà comparire davanti ai giudici di Islamabad per permettere l’estradizione e per essere riportata in Italia per il processo.

Negli ultimi mesi, infatti, la donna è risultata presumibilmente, l’artefice della morte della giovane Saman, materialmente parlando. Oltre ai genitori, ad essere condannato è lo zio Danish Hasnain, il quale, accusato recentemente dal padre di Saman, Shabbar Abbas, di essere coinvolto nell’accaduto.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Di Marianna D’Antonio

Classe '85. Attivista per la tutela degli animali, avida lettrice ed amante delle serie tv e film d'autore. "Il problema della razza umana e' che gli idioti sono assolutamente sicuri,mentre le persone intelligenti sono piene di dubbi." Bertrand Russell

error: Content is protected !!