Sab. Nov 23rd, 2019

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Aversa. La Polizia salva una persona in stato confusionale: ecco dov’era

2 min read
EVENTI IN EVIDENZA

Si tratta di un uomo di 41 anni

AVERSA. Nella giornata di ieri, il personale del Commissariato di Aversa, diretto dal Primo Dirigente Dott. Vincenzo Gallozzi, ha portato in salvo una persona in evidente stato confusionale che si trovava sulla SS 7BIS “Nola-Villa Literno” direzione Nola, addirittura in corsia di sorpasso.

In particolare, dopo la segnalazione da parte dei cittadini, la Volante del Commissariato alle ore 14 circa si portava con urgenza sul luogo indicato e giunto qui, notava l’uomo che mostrava fin da subito chiari segni di disorientamento. Si procedeva quindi al suo fermo e alla messa in sicurezza, non prima di aver fatto rallentare i veicoli che procedevano nello stesso senso di marcia.

Dai successivi accertamenti, identificato l’uomo per D.D.L. 41 anni, si apprendeva che ne era stato denunciato l’allontanamento, da parte del suo Amministratore di sostegno, dalla struttura “Cooperativa Agropoli” di San Cipriano d’Aversa che lo accoglie e gli presta le necessarie cure. Una vicenda che fortunatamente si è conclusa nel migliore dei modi.

Stato confusionale

Lo stato confusionale è una condizione in cui non si riesce a ragionare in modo chiaro e rapido. Può presentarsi come un senso di disorientamento oppure con l’incapacità di rimanere concentrati, di ricordare eventi o di prendere decisioni, e può essere associato a comportamenti inconsueti o aggressivi.

A seconda della sua causa, il problema può essere improvviso o svilupparsi lentamente. Inoltre mentre in alcuni casi la confusione dura poco, altre volte è permanente e non curabile, come avviene nel caso di alcune forme di demenza.

Più comune in età avanzata, lo stato confusionale ha tra le sue possibili cause intossicazioni da alcol, traumi cranici, febbre, tumori al cervello, squilibri idrici o elettrolitici, demenze, ictus, infezioni, carenza di sonno, bassi livelli di zucchero ematico o di ossigeno, carenze nutrizionali, convulsioni, ipotermia o l’assunzione di alcuni farmaci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open

Close