• Lun. Ott 25th, 2021

Aversa, Palazzo Parente. Nuovo appuntamento del “Festival Cimarosa 2015-16 – IV edizione”: dal 7 maggio all’11 giugno 2016 mostra fotografica: “Aversa, un cammino in sospeso….”; espongono gli Artisti Emilio Caccavello, Francesco Liguori, Massimo Lojacono, Salvo De Rosa, Umberto Mariniello. In una domenica d’inverno, cinque fotografi si aggirano per il centro storico normanno pronti a cogliere ogni particolare interessante; quattro sono “forestieri”. La domanda sorge spontanea: “Come mai proprio Aversa?”. Risposta: “E’ una città bellissima. Ce ne siamo innamorati, non credevamo…”. A questo punto l’idea: fare una mostra sulle Bellezze cittadine che i “forestieri”, come, appunto, i fotografi di cui sopra, vengono ad ammirare e, qualcuno appassionato, a fotografare e che, invece, i cittadini trascurano, lasciano morire nel disinteresse, nell’apatia, nel disimpegno. L’idea è stata, in breve, realizzata. La mostra ci “parla” di Aversa e durante la mostra “parleremo” di Aversa.Aversa, un cammino in sospeso... Lungo la strada si sono aggiunti altri “discorsi”, interessanti, su Aversa proposti da vari soggetti, taluno architetto; da qui l’ulteriore idea di una mostra in itinere, senza termine finale. Chiunque, quindi, ha da proporre, proponga e troverà spazio. Vogliamo, in effetti, “parlare” e, poi, continuare a “parlare” di Aversa. Partendo, ribadiamo, tra parentesi, ad ogni buon conto, dal fatto che la fondazione della Città è fissata nell’anno 1030 se non dopo. Nella convinzione che il cammino in sospeso di Aversa possa riprendere. Ed, alla fine, dare a questa Città il lustro che spetterebbe di diritto, ope legis. Nel solco del complessivo operato di quel primo, grande sindaco che fu Gaetano Parente.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru