• Sab. Ott 16th, 2021

Aversa/Cesa. Scacco al gruppo 'Mazzara': arrestate tre persone. Dettagli e foto

DiThomas Scalera

Mar 1, 2017

AVERSA/CESA. I Carabinieri di Aversa, questa mattina, nella città normanna e a Cesa hanno arrestato i pluripregiudicati Amedeo Mazzara, detto “o siciliano”, 69 anni e Giuseppe Duilio, detto “bicicletta”, 59, entrambi di Cesa e Tommaso Scarano, detto “scarulella”, 31, di Aversa, attualmente agli arresti domiciliari. Le complesse indagini avviate nel 2007 e condotte attraverso attività tecniche e riscontri forniti nel tempo da numerosi collaboratori di giustizia, hanno consentito di giungere alla sentenza di condanna in 1° e 2° grado nei confronti dei membri del sodalizio criminale, acclarando, processualmente, come il “gruppo Mazzara”, avvalendosi della forza intimidatrice derivante dal vincolo associativo e della condizione di assoggettamento e di omertà della popolazione, abbia nel tempo acquisito in modo diretto la gestione delle attività economiche nel settore dell’edilizia ed il controllo del territorio cesano, pianificando e perpetrando delitti contro la persona e contro il patrimonio, tra cui omicidi, sequestri di persona, estorsioni e minacce. Nel corso delle operazioni eseguite questa mattina, all’esito della perquisizione domiciliare, Duilio è stato altresì arrestato in flagranza di reato, poiché trovato in possesso di dieci kg di fogli di carta filigranata, recanti stampe contraffatte di banconote corrispondenti a “dinari” algerini. Quanto rinvenuto è stato sottoposto a sequestro. Gli arrestati Mazzara e Duilio sono stati accompagnati presso il carcere di Secondigliano, mentre Scarano è stato ristretto presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere.
Le foto degli arrestati:

Amedeo Mazzara

Giuseppe Duilio

Tommaso Scarano

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru