Mer. Ott 23rd, 2019

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Babbo Natale si era perso: storia di un attacco sventato dal V-team

3 min read
EVENTI IN EVIDENZA

Attimi di tensione e paura nella giornata di ieri, 24 dicembre 2017, vigilia del Natale. Babbo Natale si sarebbe perso mentre faceva un giro di prova con la sua slitta. La notizia, trapelata solo tra alcuni ambienti molto riservati, è stata resa nota solo pochi minuti fa dalla testata V-News. Secondo quanto si riesce ad evincere dalle poche righe del loro comunicato “Santa è stato cercato nei pressi di Londra e poi di Parigi, luoghi che erano stati considerati sensibili e dove pare sia stato avvistato per l’ultima volta, prima che i segnali satellitare della slitta smettessero all’improvviso di funzionare”. Sempre da quanto riportato dal comunicato “Papà Natale è stato poi trovato, in ottime condizioni di salute, presso un paese in provincia di Caserta, Vairano”. Sulle motivazioni che hanno portato il satellitare a non funzionare si sta ancora indagando, anche perché pare probabile un boicottaggio da parte della fazione che si oppone a tutti gli amanti del vecchietto barbuto, i famigerati e spietati “Elfi Seriosi”. I Seriosi, già protagonisti di atti come la distruzione delle praline alla gianduia nella vigilia di Natale 2007, avrebbero contribuito al sabotaggio dei sistemi di navigazione di Babbo Natale, nel chiaro intento di boicottare la consegna dei doni prevista per la notte stessa. Stando sempre a quanto ci è stato comunicato, è stato per opera dei supereroi appartenenti all’ormai celebre “V-team” se si è riusciti a sventare una tragedia annunciata. Il primo a capire che qualcosa non andava è stato “Giaciman” che col suo superudito è riuscito a intercettare una parolaccia detta “sotto la barba” e a bassissima voce dall’uomo rosso, quando ormai aveva compreso di essersi perso. Inutile dire che se non era per la supervista di Sampman non si sarebbe riusciti a capire la direzione dove concentrare le ricerche, lasciando in una empasse i soccorritori dell’intelligence che per primi si erano portati nelle capitali europee, infruttuosamente. Il piccolo “Goodhead” è riuscito a mettersi in contatto telepatico con una delle renne che, anche se a fatica perché vittima di un forte mal di pancia dovuto all’aver mangiato troppi dolciumi di nascosto dal suo boss, è comunque riuscita a dare le quasi esatte coordinate. È stato allora che le 2 donne del gruppo, “Lovely woman” e “Gracely Mary”, sono subito balzate alla guida delle loro rispettive navicelle volanti, chiamando a bordo anche gli altri componenti del team. Arrivati sul posto la forza disumana di “Deluxe man” ha fatto si che 2 delle 34 renne venissero liberate dai sacchi di regali cadutegli addosso nella brusca frenata. Così mentre “Mr Side” provvedeva a rimettere i vari sacchi sulla slitta con la telecinesi, il capo del Team “Lord Exaleribus” riparava il sistema di navigazione e riformulava il percorso che avrebbe seguito Babbo Natale, migliorandolo ed ottimizzandolo nei tempi e nelle tratte. Dopo un rutto involontario di Papà Natale, che voleva essere un ringraziamento all’operato dei supereroi e che ha anche fatto capire il tasso alcolemico di Santa Claus, Lord Exaleribus ha ben deciso di azionare il pilota automatico. “Siamo contenti che anche quest’anno i regali siano arrivati in tempi utili nelle case e nei cuori dei bambini”, sono queste le parole con le quali si è concluso il comunicato stampa. Gotham, perdon, Vairano e il mondo intero possono reputarsi al sicuro, fin quando il V-Team veglierà su di noi. Buon Natale a tutti.

Europa si, Europa no, Italia? … boh! Lo spreco dei cachi

Caiazzo. “Qualcuno ha visto il Papa?”, domani la presentazione del film

Open