• Gio. Ott 28th, 2021

Baia e Latina. Banconote false, coinvolto anche il Sindaco Michele Santoro

DiThomas Scalera

Lug 10, 2015

Santoro-Michele-xseduto1

BAIA E LATINA. Nei confronti dei 28 indagati la procura distrettuale di Napoli ha emesso altrettanti avvisi di conclusione indagine. L’indagine dei Carabinieri del colonnello Sergio De Caprio, il capitano Ultimo, si è concentrata su Mauro Russo, già arrestato in passato per associazione a delinquere di stampo mafioso e riciclaggio, ritenuto vicino al latitante della Nuova Camorra Organizzata Pasquale Scotti. Proprio Russo e il giudice Bernardi (arrestato dagli stessi carabinieri del Noe nel luglio 2013 per corruzione in atti giudiziari) sarebbero stati i “promotori e organizzatori” dell’associazione a delinquere.Un’organizzazione criminale, di carattere transnazionale, finalizzata all’acquisto e spaccio di monete e banconote provento di reato, nonché di titoli di stato stranieri contraffatti o alterati (i cosiddetti “silver coin certificate”). Reati commessi truffando istituti di credito e privati e con l’aggravante di aver favorito il gruppo camorristico del clan Belforte, leader a Marcianise e paesi limitrofi. Nel corso delle indagini, nelle quali è coinvolto anche il sindaco di Baia e Latina, Michele Santoro, sono stati compiuti sequestri miliardari.

Fonte: Italianews24

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru