Comunicati StampaNews

Beni confiscati, Consiglio di Stato dà ragione al Comune

Il fondo agricolo “Nicola Nappo” resta in gestione all’Ats “Terra Viva”

Il Comune di Scafati si è visto accogliere le istanze dai giudici

SCAFATI – Beni confiscati, i giudici danno ragione al Comune. “L’ordinanza di sospensiva del Consiglio di Stato ha fatto prevalere la discrezionalità dell’amministrazione comunale di Scafati che, scegliendo di affidare all’Ats “Terra Viva” la gestione del fondo agricolo “Nicola Nappo”, ha riconosciuto fin da subito la valenza sociale di quell’iniziativa che ha già dimostrato di essere un esperimento più che riuscito nella gestione e riutilizzo dei beni confiscati.

Per questo a nome di Alpaa desidero ringraziare l’amministrazione comunale per aver scelto di opporsi alla decisione del Tar di Salerno, difendendo la decisione assunta dalla commissione prefettizia che aveva messo a bando il fondo.

Così come desiderio ringraziare i legali che hanno seguito questa vicenda: per l’Alpaa, l’avvocato Viviana Callini e per il Comune di Scafati, Raffaele Marciano. Continua il cammino di riscatto mai interrotto nel segno della legalità verso un’agricoltura sociale e sostenibile. Il fondo si conferma un bene resiliente che affronta e supera ogni avversità”.

Così, in una nota il presidente di Alpaa, Giuseppe Carotenuto, e il responsabile dell’Ats “Terra Viva”, Carmine Perino, commentano l’ordinanza di sospensiva emessa dalla Terza Sezione del Consiglio di Stato, in merito alla gestione del bene confiscato fondo agricolo “Nicola Nappo” di Scafati, bene confiscato al clan Galasso ed affidato all’Ats “Terra Viva”, di cui fanno parte oltre ad Alpaa anche Arci Ferro 3.0Flai-Cgil Campania e Napoli e Finetica.

Nell’ordinanza, i giudici del Terza Sezione motivano la loro decisione rilevando che “non potendosi disconoscere all’amministrazione locale – in siffatto delicato ambito in cui viene in rilievo la “restituzione” alla collettività di un bene confiscato alla criminalità organizzata – un margine di discrezionalità nel vagliare e apprezzare i requisiti soggettivi dell’aspirante concessionario, di modo che la concessione sia, e appaia, strumento di effettiva restituzione a fini sociali”.


“Grazie anche agli ortolani, cuore ed anima del bene confiscato – aggiungono Carotenuto e Perinoche con il loro impegno quotidiano hanno consentito di produrre per il secondo anno un prodotto agroalimentare sostenibile e d’eccellenza”.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
Comunicato Stampa
I comunicati stampa

    Comments are closed.