Mar. Giu 2nd, 2020

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Melfi. Berlusconi: “Mai parlato e conosciuto Imane Fadil”

3 min read
EVENTI IN EVIDENZA

L’ex premier nega le frequentazioni con la modella deceduta

MELFI. “Spiace che muoia sempre qualcuno di giovane. Non ho mai conosciuto questa persona e non le ho mai parlato”: così l’ex premier e fondatore di Forza Italia, Silvio Berlusconi, ha risposto oggi a Melfi (Potenza) a chi gli chiedeva un commento sulla morte di Imane Fadil, testimone chiave nel processo  Ruby Ter”

Sono queste le parole dell’ex premier che nega le frequentazioni con la modella morta. La procura intanto vuole vederci chiaro, procedono le indagini per capire il decesso della ragazza, all’attenzione dei giudici come hanno evidenziato le varie agenzie di comunicazione che hanno battuto la notizia, ci sono le possibilità per aprire le indagini sulla pista dell’omicidio, ipotesi che non escludono però l’autolesionismo. La ragazza è deceduta all’alba del primo marzo, nello stesso giorno in tarda mattinata viene posta sotto sequestro la cartelle clinica, ma l’aspetto che desta ancora la massima attenzione è la perdita di tempo per disporre l’autopsia sul corpo della ragazza. Dalle notizie trapelate si conosce solamente che la sostanza radioattiva è stata ingerita dalla povera modella. Il secondo aspetto che insospettisce gli inquirenti oggi, è quello che riguarda l’annuncio degli esami fatti sulla ragazza il 6 marzo, perché tanto tempo per aspettare?. Tanti quindi come vediamo, sono i dubbi investigativi che i magistrati vogliono capire, dalle notizie accertate si conosce solamente che la sostanza radioattiva ha avuto conseguenze terribili sulla povera modella, nessun antidoto, ma soprattutto nessun farmaco avrebbero potuto salvare Imane.

Silvio Berlusconi e Mariarosaria Rossi

SOSTIENICI!
In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a V-news.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, di qualunque tipo possiate farlo, fondamentale per il nostro lavoro.
Siamo un progetto no-profit di comunicazione assolutamente innovativo in Italia e rimarremo sempre tali.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie, Thomas Scalera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open

Close