• Gio. Ago 18th, 2022

Alessandro Tartaglione (Marcianise Terra di Idee): “Necessario multare chi le utilizza in maniera impropria”

Un più attento controllo e la disposizione di aree in cui interdire l’utilizzo di bici e monopattini elettrici. È quanto chiesto ieri dal consigliere di “Marcianise Terra di Idee” Alessandro Tartaglione che, durante la seduta di consiglio comunale di ieri, 1 agosto 2022, ha sollecitato l’amministrazione ad intervenire su un fenomeno che sta sempre più preoccupando la cittadinanza. “Sono stato sollecitato – ha spiegato Tartaglione – da numerosi cittadini che temono per la loro incolumità in quanto alcune persone, che utilizzano questi mezzi, sfrecciano, spesso, ad alta velocità persino in zone pedonali, sfiorando le persone e mettendole in pericolo. Sono un sostenitore di questi veicoli, per diminuire lo smog in città e contrastare l’emissione di Co2, ma devono essere utilizzati nel rispetto delle regole e senza causare danni alle altre persone. Ricordiamo che nel perimetro urbano di Marcianise esiste un limite di velocità di 30 km orari che questi mezzi possono superare, specie se truccati. Inoltre si tratta di veicoli molto silenziosi e i pedoni non sempre riescono ad avvertirne l’avvicinamento causando, nel migliore dei casi, spavento. È necessario sollecitare la polizia municipale a controlli maggiori, sanzionando sia i trasgressori che non rispettano i limiti di velocità, sia chi utilizza questi veicoli all’interno di aree destinate ai pedoni, come la fiera settimanale o i parchi pubblici. Infine – conclude Alessandro Tartaglione – si rinnova la richiesta, come più volte sollecitato da Marcianise Terra di Idee, di mettere a disposizione dei proprietari di biciclette (sia elettriche che muscolari) stalli che permettano di parcheggiare in sicurezza i loro mezzi e limitare il rischio di furti”. 

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Comunicato Stampa

I comunicati stampa