• Sab. Lug 2nd, 2022

Tragedia a Cagliari: un motociclista investe una mamma con il figlio di 15 mesi, uccidendolo

«Siamo sconvolti per quanto è successo ieri a Cagliari, dove un motociclista ha investito una mamma che stava attraversando la strada sulle strisce pedonali con il figlio di 15 mesi sul passeggino, uccidendolo. Queste notizie ci distruggono. Non è possibile che, dopo anni di battaglie, la situazione sulle strade italiane non migliori mai. Chiediamo a gran voce giustizia». A rivolgere un accorato appello al Capo dello Stato, al Governo, alle istituzioni e ai magistrati che seguiranno il caso sono Alberto Pallotti, presidente dell’AUFV, Associazione unitaria familiari e vittime Odv, ed Elena Ronzullo, presidente dell’Associazione Mamme Coraggio e Vittime della Strada, che fa parte dell’AUFV insieme all’Associazione Familiari e Vittime della Strada e all’Associazione Unitaria Familiari e Vittime.

Terribile quello che è accaduto in Sardegna, dove il piccolo Daniele Ulver, di un anno e tre mesi, è morto sotto gli occhi della sua mamma. «Dai giornali abbiamo appreso che il motociclista non si è fermato a soccorrerli, ma si è costituito un paio di ore dopo, quando tutti lo stavano cercando», dicono Alberto Pallotti ed Elena Ronzullo, «con le nostre associazioni siamo vicini ai genitori del piccolo Daniele e alle loro famiglie devastate da una tragedia così grande e, come sempre, faremo di tutto per sostenerli, anche nella battaglia per la giustizia», dicono Alberto Pallotti ed Elena Ronzullo. «I magistrati», aggiungono, «devono applicare pene severe. La legge sull’omicidio stradale va rispettata. Chiediamo che non accada anche in questo caso quello che, purtroppo, si verifica troppo spesso in Italia: i responsabili di omicidio stradale se la cavano con condanne irrisorie grazie ai riti alternativi e agli sconti di pena. Rivolgiamo un appello al Capo dello Stato e al Governo perché venga sanata questa situazione per cui il responsabile di un omicidio stradale riesce a usufruire dello sconto di pena per aver scelto il rito abbreviato e poi di un ulteriore sconto per il “Concordato in appello”. Non è possibile che chi si macchia di un crimine così grave non sconti una condanna giusta. I magistrati che seguiranno il caso del piccolo Daniele facciano in modo che venga assicurata la giustizia. Altrimenti sarebbe come uccidere due volte questo bambino e fare un ulteriore male alla sua famiglia, che solo per questa perdita è già condannata a un ergastolo di dolore. I giudici applichino la legge, la condanna sia adeguata e giusta».

Info:
www.vittimestrada.eu
aifvsufficiostampa@vittimestrada.eu
Tel. 328 943 2909

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Comunicato Stampa

I comunicati stampa