Ven. Nov 15th, 2019

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Borgo San Lorenzo. Incontro con lo scrittore Paolo Cochi sul Mostro di Firenze

2 min read
EVENTI IN EVIDENZA

L’autore di “Mostro di Firenze. Al di là di ogni ragionevole dubbio” rivela anticipazioni

Un caso di cronaca ancora aperto? In una dichiarazione per V-news le parole dell’autore Cochi

Borgo San Lorenzo. Il prossimo 4 maggio, alle ore 17:00, presso “Mondadori Book Store” di Borgo San Lorenzo, alle porte di Firenze, l’autore Paolo Cochi chiarisce, attraverso documenti d’indagini investigative gli ultimi progressi di un’analisi che non ha mai fatto totalmente chiarezza sugli otto duplici omicidi attribuiti al “Mostro di Firenze”.
Dunque “Un incontro dibattito alla Mondadori di Borgo San Lorenzo, uno dei luoghi degli omicidi del mostro. L’ autore Paolo Cochi del libro “mostro di Firenze – al di la” di ogni ragionevole dubbio” è della serie tv “la zona oscura” , discute a 50 anni di distanza di uno dei casi più lunghi e controversi della storia della cronaca nera e giudiziaria italiana.
Lo stesso Cochi rivela delle anticipazioni a noi della redazione di V-news: “Un identikit dimenticato e dei testimoni, potrebbero essere una valida pista per la soluzione del caso. Il Mugello era ed è  il luogo dove geograficamente cercare l autore dei delitti. I compagni di merende erano completamente estranei alla vicenda. La verità storica deve essere riscritta”.
La storia del Mostro di Firenze sarà quindi raccontata attraverso verbali e rapporti giudiziari: atti ufficiali riletti per una valutazione nuova degli aspetti sostanziali della vicenda.
Ricordiamo che secondo la criminologa Roberta Bruzzone, l’inchiesta del regista Paolo Cochi incrina le uniche certezze giudiziarie e riapre il caso. «La vicenda del mostro ha attraversato mezzo secolo di storia giudiziaria ed investigativa del nostro paese- racconta l’ autore Paolo Cochi. Il Mugello come scrivo nel libro ed sottolineo nel documentario è un territorio nel quale sono avvenuti due degli otto duplici omicidi ed vi è anche la localita’ dove il “mostro” spedì la famigerata lettera con il feticcio, destinata al magistrato Silvia Della Monica. Una zona dove venne ascoltato un nutrito numero di testimoni, che videro l’uomo seguire la coppia di ragazzi uccisi nel 1984.

Di seguito l’intervista allo scrittore Paolo Cochi

https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=2214594428808304&id=370707551482

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open

Close