• Lun. Ott 25th, 2021

Calvi/Sparanise. Dentro la discarica ex Pozzi: lo SPECIALE di OIM

DiThomas Scalera

Giu 17, 2015

[youtube url=”https://www.youtube.com/watch?v=4z6yGFaMdSE” width=”500″ height=”300″]

Le telecamere di Oggi Insieme Magazine in esclusiva hanno potuto filmare l’area ex Pozzi sottoposta a sequestro da parte del Corpo Forestale dello Stato. L’area di 25 ettari ricade nel Comune di Calvi Risorta ma è a poche decine di metri dal Comune di Sparanise. A poche centinaia di metri dall’area vi è la famosa Turbogas di Sparanise e, sempre a poche centinaia di metri vi è il terreno dove si vorrebbe costruire una centrale a biomasse. Un’area martoriata da uno sfruttamento economico cieco di fronte ai diritti umani che ha prodotto quella che è già stata definita la discarica sotteranea più grande d’Europa. Veniamo accompagnati da uno dei ragazzi del comitato contro la centrale a biomasse e, muniti di mascherine e tute protettive abbiamo potuto filmare gli scavi che ci sono stati in questi giorni. Le buche sono profonde circa otto metri, all’interno è ben visibile materiale francese o tedesco. In alcune zone la terra è di colore grigio, blu o rosso. Un triste primato per quella che un tempo fu la Campania Felix. Un territorio da bonificare che però rischia di essere abbandonato a se stesso. I giovani del comitato temono che quando i riflettori nazionali si spegneranno su questa vicenda, la comunità verrà lasciata sola con i rifiuti. In questo contesto si rende di estrema importanza la partecipazione della cittadinanza cosciente al presidio che il comitato ha lanciato per sabato alle ore 18, proprio vicino l’area ex Pozzi.

calvi

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru