CoronavirusCronacaNewsScuola

Campania in “zona arancione”: cosa cambia e quali sono le nuove regole. Novità sulle scuole

Le nuove norme in seguito al passaggio della Campania in zona arancione

Come già sottolineato nell’articolo di ieri, la Campania è da oggi in zona arancione. Oltre alle limitazioni relative agli spostamenti tra comuni, e il divieto di spostarsi tra le 22 e le 5 del mattino (salvo motivi di necessità, lavoro, studio e salute), sono tante le nuove norme da rispettare a seguito del passaggio di colore da giallo a arancione. Sarà consentito spostarsi all’interno del proprio comune di residenza insieme a un massimo di due persone verso case di parenti o amici

Saranno chiusi i bar, così come i ristoranti e le pasticcerie. Cambiano le regole anche su asporto e domicilio. Per l’asporto sarà consentito fino alle 18 per i bar, mentre non vi sono limiti per la consegna a domicilio.

Chiusi musei e mostre, come già accennato chiusa anche la Reggia di Caserta.

Per la questione scuole, la vicenda è più complessa. Da regole vigenti in zona arancione a livello nazionale durante l’ultimo periodo in cui la Campania era zona arancione, sarebbero rimaste aperte solo le scuole medie, elementari e dell’infanzia mentre per le scuole superiori si sarebbe proceduto con la didattica a distanza. Dal DPCM del 14 gennaio 2021, tuttavia, per le scuole superiori è prevista la didattica in presenza per il 50%-75% degli studenti. Molti Sindaci hanno tuttavia spinto per la chiusura di ogni scuola di ordine e grado, specialmente per le aree più a rischio, che quindi seguiranno esclusivamente la DAD. Sarà didattica mista anche per le università

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

What is your reaction?

Excited
0
Happy
1
In Love
0
Not Sure
0
Silly
1
Pasquale Malatesta
Mi chiamo Pasquale, scrivo da Caserta, ho 19 anni e frequento il secondo anno della facoltà di Economia dell' Università "Luigi Vanvitelli" a Capua.

    Rispondi