campaniaCoronavirusNewsSocietà

Campania zona arancione da domenica: ecco cosa si potrà fare e cosa no

Tutte le regole previste in seguito al cambio di colore

Come già annunciato dal Ministro Speranza la Campania sarà in zona arancione a partire da domenica. Ecco tutte le conseguenze relative al cambio di colore, incluse le regole vigenti circa spostamenti e aperture di edifici pubblici e privati.

Le regole previste in zona arancione:

Spostamenti: saranno vietati tutti gli spostamenti dalle 22 alle 5 salvo comprovati motivi di lavoro, necessità e salute (attestati da autocertificazione). Sono vietati gli spostamenti tra regioni, ma consentiti gli spostamenti dai comuni con meno di 5000 abitanti entro 30 km dal luogo di partenza, purchè non si entri internamente ai capoluoghi di provincia. È fatta raccomandazione, quindi non obbligo, di non spostarsi all’interno del proprio comune per tutta la giornata onde poter contenere il contagio quanto più possibile

Scuole: Didattica a distanza per scuole superiori, escludendo per gli studenti con disabilità. Didattica in presenza per scuole dell’infanzia, elementari e medie.

Bar e ristoranti: Bar e ristoranti saranno chiusi 24 ore su 24, per tutti giorni della settimana. Saranno tuttavia consentiti asporto (per i bar fino alle 18) e consegna a domicilio (nessuna restrizione).

Sport e cultura: Ancora chiuse palestre, piscine, teatri e cinema. Nuovamente chiusi anche musei e mostre. Rimarranno aperti solo i centri sportivi. Sport di contatto ancora vietati in tutta la Regione

Centri commerciali: chiusi nei giorni festivi e prefestivi ad eccezione dei servizi essenziali quali farmacie, parafarmacie, punti vendita di generi alimentari, tabaccherie ed edicole al loro interno

Altre disposizioni: Ridotti i posti per il trasporto pubblico del 50%, esclusi i mezzi di trasporto scolastico. Ancora sospese sale giochi, sale scommesse, bingo e slot machine anche nei bar e tabaccherie.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
Pasquale Malatesta
Mi chiamo Pasquale, scrivo da Caserta, ho 19 anni e frequento il secondo anno della facoltà di Economia dell' Università "Luigi Vanvitelli" a Capua.

    Rispondi