• Dom. Ott 17th, 2021

Capodrise/Recale. Cantieri dei rifiuti, la Fiadel: “Situazione assurda”

CAPODRISE/RECALE. Assurdo quanto sta accadendo sui cantieri di Capodrise e Recale.
Clamoroso il comportamento utilizzato dal Consorzio C.I.T.E., assume i lavoratori reintegrati dal Giudice Schiavoni del Tribunale del Lavoro di S. Maria C.V., ma gli impedisce di firmare e soprattutto di lavorare.
Una disposizione di difficile interpretazione quella determinata dal Consorzio C.I.T.E., soprattutto se si considera che attualmente continua ad utilizzare lavoratori a tempo determinato.
Eppure di recente aveva licenziato due operatori, cosiddetti stagionali, un’azione anche questa discutibile in quanto avvenuta in coincidenza dell’scrizione, da parte di quest’ultimi, alla F.I.A.D.E.L., suscitando i ragionevoli dubbi del caso.
Insomma ricapitolando, il Consorzio C.I.T.E. preferisce retribuire lavoratori, reintegrati dal Giudice del Tribunale del Lavoro, senza farli lavorare, licenzia due lavoratori a tempo determinato, i quali nel frattempo avevano acquisito il diritto al tempo indeterminato, e nello stesso tempo, impiega personale a tempo determinato per effettuare servizi di raccolta.
Una scelta che, apparentemente, può apparire come uno spreco di risorse economiche dell’azienda ma che in realtà supponiamo nasconda dell’altro, oltre all’atto discriminatorio praticato dall’azienda ai danni dei lavoratori reintegrati e a quelli licenziati di recente.
Per questa ragione, allo scopo di provare a far luce sulla vicenda, abbiamo inviato una richiesta di incontro alla Prefettura di Caserta, proclamando lo stato di agitazione, segnalando l’episodio ai Comuni interessati, alla Guardia di Finanza di Caserta e all’Ispettorato Territoriale del lavoro di Caserta.
Non escludiamo di estendere la tematica anche ad altre autorità..

F.I.A.D.E.L. CASERTA

Giovanni Guarino

Leggi anche:

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru