Mer. Ott 23rd, 2019

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Capua. Cantiere dei rifiuti, la Flaica CUB: “Il sindaco Centore venga a toccare di persona la disperazione dei lavoratori”

3 min read
EVENTI IN EVIDENZA

CAPUA. Nonostante i ripetuti appelli manifestati attraverso la stampa e siti di informazione online constatiamo, con grande rammarico,

la palese indifferenza dell’attuale amministrazione capuana al problema che stanno vivendo gli operatori ecologici del cantiere dei rifiuti di Capua.

Tuttavia, è doveroso precisare che, tra i banchi del consiglio comunale, oggi sono seduti quei politici che, all’epoca dello sciopero che portò al blocco totale delle attività e al presidio del cantiere da parte degli operatori ecologici, precisamente nel febbraio del 2015, si recavano quotidianamente presso l’isola ecologica per esprime vicinanza e solidarietà nonché sostegno alla protesta.
Eppure l’attuale situazione, sopportata dai lavoratori, non è da meno anzi sembra che sia addirittura peggiore, basti pensare che in soli due anni la nuova amministrazione è stata spettatrice delle molteplici manifestazioni di protesta, indette dai sindacati per rivendicare i pagamenti degli stipendi, purtroppo, nostro malgrado, senza mai attuare soluzioni efficaci per risolvere definitivamente il problema, lo testimoniano i numerosi cambiamenti di assessori preposti.
Il corto circuito è previsto per il prossimo 27 aprile quando, ai problemi già esistenti, si aggiungerà la scadenza del documento unico regolarità contributiva (DURC), per cui, di conseguenza il Comune dovrà attendere la regolarizzazione del documento per predisporre e provvedere al pagamento della fattura emessa dall’azienda.
Per queste ragioni riteniamo che il collasso totale contribuirà ad aumentare il clima di incertezza tra i lavoratori, a quel punto la rabbia sarà tale da causare proteste ben più clamorose.
Il grido di allarme che lanciamo ai politici che compongono l’attuale maggioranza, non deve essere sottovalutato, come è accaduto fino ad oggi, ma al contrario deve stimolare una reazione equiparata al problema, presentarsi in visita al cantiere sarebbe già un atto di responsabilità e solidarietà.
Per quanto riguarda la lotta alla condotta antisindacale praticata dalla Falzarano ai danni della Flaica Cub, ieri siamo stati costretti a presentare l’ennesima denuncia, questa volta è toccato segnalare all’ispettorato del lavoro di Caserta e alla DIGOS la disparità di trattamento dimostrando alle autorità preposte che, le ragioni espresse dall’azienda per giustificare la negazione dell’assemblea indetta e svolta di sabato (7 aprile u.s.), erano false e prive di ogni adeguato fondamento, poiché, anche la O.S. Fit-Cisl ha indetto un’assemblea (Sabato 21 aprile u.s.), senza ricevere alcun ammonimento o segnalazione.
Atteggiamento che la dice lunga su tanti altri aspetti ancora da chiarire sul medesimo cantiere.

Flaica CUB Caserta

Leggi anche:

Santa Maria Capua Vetere. Sorpreso a spacciare in piazza San Francesco: arrestato 23enne

Caserta. Elezioni Rsu, UIL Scuola primo sindacato della provincia

Open