V-news.it

Quotidiano IN-formazione

16 novembre 2017

Capua. Devastazione del bosco di San Vito, Cai e Lipu alzano la voce

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato di Cai e Lipu.

CAPUA. Urge un sopralluogo per verificare la regolarità dei lavori, perché il taglio del bosco avviene in un’area delicata sul piano ambientale, culturale e – soprattutto – idrogeologico. E’ questa la sostanza della missiva inviata ieri – 15 novembre 2017 – dalle sezioni di Caserta delle associazioni Club Alpino Italiano e Lega Italiana Protezione Uccelli a numerosi enti, alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere ed ai Carabinieri, segnalando il taglio boschivo in atto nel bosco di San Vito in località Collina Santo Iorio, nella frazione Sant’ Angelo in Formis del comune di Capua.
La lettera, che porta la firma del presidente Cai di Caserta, Vincenzo Sollitto, e del presidente Lipu del capoluogo di Terra di Lavoro, Matteo Palmisani, esprime la massima preoccupazione per l’entità dell’esbosco definito come una  “Forte attività di taglio boschivo con annessa apertura di numerose piste e la modifica radicale della conformazione di parte dei sentieri preesistenti.”
Sollitto e Palmisani inoltre sottolineano: “Dalle informazioni in nostro possesso i lavori di esbosco si stanno svolgendo in piena area Sito di Interesse Comunitario  IT8010016 Monte Tifata,  sottoposta a relativi vincoli, oltre che in un’area a rischio idrogeologico che a vario  grado imperversa su tutta la zona di taglio”.
Il taglio, condotto con l’ausilio di mezzi meccanici inoltre avviene “Nonostante l’ordinanza n. 67 del 3 agosto 2017 emessa dal Comune di Capua ordini il divieto di alterare e/o modificare lo stato dei luoghi sentieri e mulattiere – scrivono i presidenti delle associazioni, sottolineando come “L’azione delle macchine movimento terra ha invece alterato e modificato radicalmente lo stato  dei luoghi”.
Inoltre si paventa il mancato rispetto di altre norme di tutela del territorio:“Abbiamo forti dubbi sul rispetto dei vincoli paesaggistici che interessano l’intera area – è scritto nella missiva – come visibile sul portale http://www.sitap.beniculturali.it/,  ex artt. 136 e 157 e  D.Lgs. 42/2004 c.d. “ope legis” ( art.142 c. 1, esc. Lett. E,H,M)”.
Tra i possibili danni provocati dall’azione di una ruspa anche il danneggiamento di un antico acquedotto del 1500, che captava le acque delle antiche sorgenti del Bosco di San Vito.
Cai e Lipu nel chiedere alle autorità sollecitate un urgente “sopralluogo per l’eventuale fermo dei lavori” di esbosco, ove condotto in spregio dei vincoli e delle norme ambientali.
“Chiediamo un urgente controllo e riscontro da parte delle autorità competenti – concludono Sollitto e Palmisani –  valutando lo svolgimento dei lavori e  l’effettivo rispetto delle norme e dei vincoli presenti in un area Sito d’interesse Comunitario, e chiediamo un accurato controllo sulla modalità di taglio e sul rispetto dei vincoli idrogeologici.”

Comunicato Stampa Congiunto Lipu – Cai del 15 Novembre 2017

Leggi anche:

Capua capitale degli scacchi con il torneo dell’associazione Extra Moenia

Teano. Rapinò una donna in un pescheto: in carcere guineano

Commenta

Loading...
Andrea De Luca

Mi chiamo Andrea De Luca. Sono nato a Capua (CE) il 26 marzo 1986. Vivo a Pietramelara (CE). Nel 2005 ho conseguito la maturità presso il Liceo Scientifico ‘Leonardo Da Vinci’ di Vairano Patenora (CE). Nel 2006 mi sono iscritto alla facoltà di Scienze della Comunicazione presso l’Università ‘La Sapienza’ di Roma, scegliendo successivamente il curriculum in ‘Linguaggi e tecniche del giornalismo e dell’informazione’. Dal 2008 sono militante per il partito politico dell’Italia dei Valori e sono tesserato per l’associazione ambientalista Legambiente. Su Facebook, gestisco un gruppo di discussione e informazione sul mio piccolo paese, che si chiama Forum Pietramelara. Gestisco un blog di informazione (con una pagina relativa su Facebook), Informare è un dovere. Collaboro con diverse agenzie di stampa e redazioni di informazione della provincia di Caserta. Da giugno 2013 collaboro col quotidiano ‘La Gazzetta di Caserta’.

Open