• Sab. Ott 23rd, 2021

Capua. Spaccio di cocaina: arrestato 50enne

CAPUA. Prosegue il trend positivo dei servizi organizzati dalla Questura di Caserta, con l’impiego di personale della locale Squadra Mobile, del Commissariato di P.S. di S. Maria C.V. e di unità cinofile della Guardia di Finanza di Aversa, in materia di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti.

Nella tarda serata del 3 aprile 2019, la Polizia di Stato di Caserta, con l’ausilio di unità cinofile della Guardia di Finanza di Aversa, ha proceduto all’arresto di DI RIENZO Antonio, cinquantenne di Capua, poiché responsabile di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti del tipo cocaina.

Da attività info-investigativa risultava che il DI RIENZO gestiva una vera e propria “base di spaccio”, realizzata presso la propria abitazione e il relativo garage. Qui attendeva gli acquirenti, ai quali forniva lo stupefacente, generalmente in dosi. Tuttavia, il sito era impossibile da attenzionare con appostamenti in loco, atteso che il soggetto aveva installato un sofisticato impianto di videosorveglianza che, per quanto formalmente deputato alla tutela domestica, ben poteva essere impiegato per controllare l’esterno della casa e, quindi, verificare che non ci fossero “attenzioni” da parte di soggetti indesiderati.

Grazie a uno stratagemma, però, gli agenti sono riusciti a fare irruzione in modo discreto. Attesa la compagna del DI RIENZO nei pressi dell’abitazione, l’hanno seguita fino a scendere con lei e, quindi, entrare nel garage senza che il padrone di casa avesse il tempo di raggiungerlo. Qui si dava il via alla perquisizione, mentre altri operatori raggiungevano l’appartamento del soggetto.

Grazie anche allo straordinario fiuto del cane finanziere Bold, gli operatori sono riusciti a scovare un astuccio metallico, attaccato con un magnete dietro una trave in ferro del soffitto, con all’interno 8 involucri termosaldati contenenti possibile sostanza stupefacente. Hanno trovato altresì una piccola cassaforte, contenente circa 160€ in banconote di piccolo taglio e monete, nonché altri piccoli magneti.

Anche le ricerche effettuate nell’appartamento sono state estremamente fruttuose. Infatti, una volta guadagnato l’accesso e trovato il DI RIENZO all’interno, gli operatori hanno dato luogo a un’accurata perquisizione che si è conclusa col rinvenimento, incastrato nella tubatura dello scarico del water, di un contenitore metallico analogo a quello trovato in garage, con all’interno altre 19 “palline” di sostanza. Allo stesso tempo, in un vano ricavato nella parete perimetrale della cucina, è stato scovato un bilancino di precisione. Anche questo – come per l’involucro trovato in garage – era abilmente occultato mediante l’utilizzo di una calamita con cui era stato attaccato alla tubatura dell’acqua.

Tutta la sostanza rinvenuta, risultata positiva al narcotest come cocaina, è stata quantificata in 16,56 grammi, suddivisa in 27 dosi già pronte per la distribuzione al minuto.

Alla luce di ciò, il DI RIENZO è stato tratto in arresto e, come disposto dal Pubblico Ministero di turno, è stato associato alla locale casa Circondariale, ove si trova tuttora.

Leggi anche:

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru