Breaking NewsCronacaPagina Nazionale

Carabinieri arrestati a Piacenza, le intercettazioni: “Abbiamo venduto 20 chili di droga, in città ci stiamo solo noi”

I traffici illeciti del carabiniere Montella

“Noi dobbiamo viaggiare a numero uno, i numeri due li lasciamo agli altri, adesso a Piacenza poi stiamo solo noi… perché a Piacenza non ce n’è più nessuno”. Dalle intercettazioni emerge sempre più la figura di Montella, uno dei carabinieri della caserma di Piacenza, indagato per abusi, percosse e traffici illeciti, a capo della “struttura piramidale” dell’associazione criminale.

Come riporta il Corriere della Sera:

Gherardi è uno degli spacciatori più attivi della piazza piacentina. Non a caso, ancora prima della confessione del pusher-pentito che farà partire l’inchiesta, è proprio lavorando su di lui che gli investigatori del Nucleo di polizia tributaria delle Fiamme gialle iniziano a sospettare delle amicizie dell’appuntato della caserma Levante. I due parlano di droga, di soldi, degli ultimi affari: “Noi ieri abbiamo venduto venti chili”. Le amicizie di Giuseppe Montella non sono segrete. Il profilo social del carabiniere lo testimonia. Nessuno però tra i superiori ha mai segnalato quegli strani rapporti tra pusher e carabiniere.

Secondo i magistrati Montella è ugualmente “delinquente”, vive in una sorta di “film poliziesco anni ’70″ ma dove “i soprusi e le percosse non sono una finzione scenica”.

Da un lato abusa della sua divisa per “estorcere confessioni” a presunti spacciatori, picchia selvaggiamente i sospettati, organizza festini nella caserma di via Caccialupo. Dall’altro organizza traffici di droga, ne cura il trasporto insieme alla compagna Maria Luisa Cattaneo (ai domiciliari) e si spinge fino nell’hinterland milanese insieme a Giardino per acquistare partite di marijuana dai calabresi.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

What is your reaction?

Excited
1
Happy
1
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
Redazione V-news.it
Il bot redazionale

    Comments are closed.