• Ven. Lug 1st, 2022

La Marcia con la Fiaccola della Pace a Carinola e il grido No War di Scuole, Istituzioni e Associazioni

Carinola(Ce). La Marcia con la Fiaccola della Pace, Scuola e Istituzioni dicono NO alla Guerra
L’Istituto Comprensivo “CarinolaFalciano del Massico” diretto dalla Preside Giuseppina Zannini, con il Patrocinio del Comune di Carinola retto da Giuseppina Di Biasio, dall’Assessorato alla Pubblica Istruzione Maria Sorvillo, accogliendo l’invito rivolto dal Movimento per la Pace, promotore in tutta la provincia delle mobilitazioni contro la guerra e in Solidarietà al popolo ucraino, ha aderito all’appello nazionale “No war” organizzando per giovedì 17 marzo la Marcia per la Pace “Fermiamo la guerra Accendiamo la Pace”, con la presenza della Fiaccola della Pace, ritornata a Carinola per la seconda volta. Alla marcia hanno partecipato tutti i plessi dell’IC Carinola e relative frazioni
( Casale, Nocelleto, Casanova), l’ Istituto paritario “Cuore Immacolato di Maria”, le Associazioni del territorio: InCanto, Centro Italiano Femminile, Pro Loco, U.N.A. associazioni, Amici della Biblioteca, Lunarte, Associazione Matilde Serao, Coop Sociale Sant’Agostino Roscelli e i parroci sia della parrocchia che delle frazioni: don Enrico, don Michelangelo, don Luigi e don Luciano. Con a capo la “Fiaccola della Pace” accesa davanti all’Albero della Pace, con l’intenzione “Pace in Ucraina e nel mondo”, alla presenza della D. Scolastica, Sindaco Assess. alla P.Istruzione e Istituzioni, consegnata al giovane rappresentante della scuola, e sulle note di “Accendi la Pace”, il brano dedicato alla storia della Fiaccola della Pace è partito il corteo costituito dagli alunni di tutti i plessi dell’IC di Carinola e frazioni, sfilando con magnifici cartelloni colorati e disegni sulla Pace da loro realizzati sui quali si leggevano parole e poesie di Pace e l’art. 11 della Costituzione, con bandiere della Pace e una lunga bandiera dell’Ucraina. Il corteo ha attraversato le strade principali della cittadina per giungere in piazza davanti al Comune dalla cui sede si ergeva la Bandiera della Pace. Quindi il Sindaco Maria Giuseppina DI Biasio nel prendere parola in piazza ha iniziato il suo discorso leggendo per intero l’articolo 11 della Costituzione, poi ha espresso dura condanna per la guerra che sta seminando vittime tra civili e ha chiesto perdono ai giovani perché come adulti non si è stati capaci di consegnargli un mondo di Pace, ” Ma ci impegneremo – ha proseguito- e faremo il possibile per fare pressione, anche se le nostre sono piccole voci e probabilmente resteranno inascoltate, per far si che cessino tutte quelle condizioni che impediscono di vivere un futuro di Pace”. A seguire il saluto della Dirigente scolastica Giuseppina Zannini la quale ha ricordato l’importanza come scuola di portare avanti un percorso di consapevolezza e di cittadinanza. Ha ricordato che la Pace si fonda sull’azione del perdono e della riconciliazione. Poi ha voluto far dono alle Istituzioni presenti, compreso i parroci, del quaderno della Costituzione, “nostro DNA- ha ricordato- dove si legge proprio l’articolo 11 che abbiamo il dovere di ricordare e di far rispettare”. Dopo di lei l’Assessore alla Pubblica Istruzione Maria Sorvillo ha declamato un particolare testo sulla Pace. “La scuola ha voce in capitolo, il Governo non può non ascoltare le voci dei giovani che rappresentano il futuro delle nostre terre e del nostro Paese, il governo ha il dovere di tutelare la vostra vita e di mettere al centro di ogni interesse la difesa della vita. Le armi sono causa di morte e di distruzione”, ha ricordato la Presidente del Movimento perla Pace Agnese Ginocchio. Quindi alcuni interventi delle Associazioni aderenti: InCanto con un’esibizione musicale, Amici della Biblioteca con la lettura di alcuni episodi accaduti durante la guerra passata e della Presidente del Centro Italiano Femminile, il medico Antonella Migliozzi, che ha ricordato l’esempio del medico Gino Strada obiettore di coscienza, che operando in territori di guerra e curando le vittime delle mine antiuomo e delle bombe, ha vistocon i propri occhi gli orrori causati dalla guerra. La Marcia ha proseguito il percorso per terminare presso l’Albero della Pace piantato durante la 1° ed.ne della Fiaccola della Pace, messo a dimora presso il giardino antistante il plesso di “Campo Falerno”. Quindi gli alunni alla guida del prof. di musica Antonio Pompa hanno eseguito dei brani musicali in tema. Al termine prima dei saluti e ringraziamenti, la declamazione dell’Appello “Cessate il fuoco” da parte del vice Presidente del Movimento per la Pace Gino Ponsillo, a seguire la Presidente ha invitato le Istituzioni, Sindaco, Assessore alla P.Istruzione, Dirigente scolastica, rappresentanti delle Associazioni e rappresentanti dei giovani alunni a sottoscrivere l’Appello “Cessate il Fuoco”, inviato successivamente al Governo, ribadendo che quanto detto e fatto in questa giornata dedicata alla Pace non resterà inascoltato. Poi in segno di ringraziamento ha conferito “Attestato di Encomio di Pace” alla Dirigente scolastica in prosieguo al “Patto di Pace” siglato durante la 1° ed.ne della Fiaccola della Pace e l’ Attestato di ringraziamento all’amministrazione comunale, al Sindaco, all’Assess.alla P. Istruzione, associazioni presenti e al prof. di musica Pompa per avere realizzato le voci del ritornello degli alunni della scuola inserito nel brano “Accendi la Pace” . Un plauso particolare alla vicaria prof.ssa Rosa Forcina e prof Salvatore Russo registi e coordinatori del lavoro realizzato con i docenti e gli alunni di tutti i plessi. Un ringraziamento infine alla Polizia Municipale per il servizio sicurezza svolto, all’ Amministrazione comunale ( presente anche l’Assessore Rino Di Cresce), al Sindaco e all’Assess. alla P. Istruzione Sorvillo, per aver prestato attenzione a queste tematiche fondanti, ed offerto supporto e massimo impegno per la buona riuscita della manifestazone. Amministrazione sveglia, giovane e attenta! Anche Carinola si avvia verso il titolo di “Città di Pace” e la giornata odierna segna l’inzio di una proficua collaborazione sulle tematiche della Pace.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Comunicato Stampa

I comunicati stampa