Casagiove. Rapinò due suoi connazionali nell’hotel Houston ferendoli con un coltello: fermato marocchino

EVENTI IN EVIDENZA

CASAGIOVE. Nella tarda serata del 2 agosto scorso, i Carabinieri di Casagiove hanno dato esecuzione ad un decreto di fermo del Pubblico Ministero, emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere nei confronti del pregiudicato marocchino Mojno Mossaib, 40 anni, senza fissa dimora ed irregolare sul territorio nazionale,  poiché identificato quale autore della rapina e delle lesioni perpetrate nella notte del 26 luglio scorso, all’interno del dismesso “hotel Houston”, sito in via Nazionale Appia nel comune di Casagiove, ai danni di due suoi connazionali.

Il provvedimento scaturisce dall’attività di indagine, coordinata dall’Autorità Giudiziaria Sammaritana, che ha permesso di acclarare come il fermato, dopo aver avvicinato le vittime, al loro rifiuto di consegnargli del denaro, avesse colpito con un coltello provocando, al primo, una ferita da taglio alla regione laterale destra del collo e due ferite da taglio dorsali altezza dell’emitorace e, al secondo malcapitato, una ferita da taglio al palmo della mano sinistra. Dopo l’azione delittuosa il rapinatore riuscì a scappare facendo perdere le proprie tracce. Successivamente, anche grazie alle informazioni fornite dalle vittime, è stato possibile identificare il colpevole e procedere alla perquisizione della stanza da lui occupata presso l’albergo in disuso dove è stata rinvenuta l’arma del delitto. Il fermato è stato accompagnato presso il carcere di Santa Maria Capua Vetere. La competente Autorità Giudiziaria, nel convalidare il fermo ha ora disposto la permanenza in carcere di Mojno Mossaib.

SOSTIENICI!
In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a V-news.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, di qualunque tipo possiate farlo, fondamentale per il nostro lavoro.
Siamo un progetto no-profit di comunicazione assolutamente innovativo in Italia e rimarremo sempre tali.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie, Thomas Scalera

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

Comments are closed.