• Gio. Ott 21st, 2021

Casal di Principe. Camorra: la Dia confisca beni al clan dei Casalesi per sei milioni di euro

DiThomas Scalera

Dic 17, 2015

dia

CASAL DI PRINCIPE. Gli uomini della Dia di Napoli hanno eseguito tre diversi provvedimenti di confisca di beni per un valore complessivo di oltre 6 milioni, nei confronti di soggetti ritenuti appartenenti al clan dei Casalesi. Il primo provvedimento, emesso dal tribunale di Santa Maria Capua Vetere, riguarda la confisca di 3 immobili, 2 masserie e 13 terreni in provincia di Caserta per un valore di oltre 3 milioni, intestati a terzi ma riconducibili, secondo gli investigatori, a soggetti al vertice della fazione dei Bidognetti. I beni erano già stati sequestrati nel giugno del 2009 nell’ambito delle indagini su Francesco Bidognetti, detto ‘Cicciotto e mezzanotte’. Tra i beni ci sarebbe anche l’azienda di Cancello Arnone dove nel 2008 venne ucciso Umberto Bidognetti, padre del collaboratore di giustizia Domenico. Il secondo provvedimento riguarda invece la confisca di beni per un milione – la quota di un’azienda con sede a Terni, un terreno e un fabbricato a Casal di Principe – secondo gli inquirenti riconducibili a Rocco Veneziano, geometra e imprenditore edile 62enne di Casal di Principe, considerato punto di riferimento per la gestione degli interessi economici dei Bidognetti. L’ultimo provvedimento, infine, riguarderebbe la confisca nei confronti di Francesco Lampo, imprenditore 52enne di Trentola Ducenta ritenuto, almeno fino agli inizi del 2000, organico al clan dei Casalesi, nella fazione che faceva riferimento a Zagaria. I beni confiscati, per 2 milioni, sono un fabbricato e sette appartamenti a Trentola Ducenta.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru