• Dom. Ott 24th, 2021

Casapesenna. Inchiesta Dda su casalesi e politica, il vivandiere “pentito” di Zagaria rivela ai magistrati l’esistenza di un libro mastro mai trovato dagli investigatori

DiThomas Scalera

Lug 16, 2015

-boss-michele-zagaria-from-a-police-

CASAPESENNA. Contiene dati vitali per la sopravvivenza del clan dei Casalesi, nomi e cifre che rappresentano la contabilità dell’organizzazione mafiosa campana facente capo, tra gli altri, al boss Michele Zagaria, annotati di suo pugno, a tal punto importante da ritenerli più importanti della sua stessa cattura. E’ il “libro mastro” del clan – cercato ma mai trovato da magistratura e forze dell’ordine – di cui parla uno dei vivandieri di Zagaria, Generoso Restina, collaboratore di giustizia ritenuto particolarmente attendibile da investigatori, in un interrogatorio contenuto nell’ordinanza del gip del Tribunale di Napoli Egle Pilla relativa all’operazione del Ros dei carabinieri coordinata dalla DDA partenopea che ieri ha fatto luce sull’intreccio tra politica casertana e camorra casalese.
L’inchiesta ha portato all’arresto di imprenditori collusi con il clan, e politici, tra cui figurano l’ex sindaco di Caserta Pio del Gaudio, l’ex senatore Tommaso Barbato e l’ex consigliere regionale Angelo Polverino. Il gip ha anche inviato alla Camera dei Deputati una richiesta di arresto ai domiciliari per l’on. Carlo Sarro, per l’accusa di turbativa d’asta. Restina è stato molto vicino a Zagaria: gli ha garantito la latitanza per tre anni, da metà 2005 a luglio 2008, con moglie e figlia, nella sua abitazione di Casapesenna, dove è stato anche trovato un covo-bunker. Nell’ordinanza del gip Pilla vengono riportati i passaggi nei quali Restina conferma l’esistenza del “libro mastro” che – racconta – Michele Zagaria nascondeva in un foro ricavato dallo stesso Restina in un mobile.

Fonte: Casertanews.it

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru