Dom. Set 22nd, 2019

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Caserta. Agriturismi e lavoro nero, la Cisas: “Servono maggiori controlli”

2 min read

CASERTA. Agriturismo e Lavoro nero – Sulla scorta di segnalazioni, pervenute allo Sportello del Cittadino – Cisas,  sarebbe opportuno che, almeno nei mesi estivi, gli Enti previsti e nello specifico Ispettorato del Lavoro, Inps, Inail e Guardia di Finanza, attuassero un programma di maggiore vigilanza nei riguardi dei numerosi Agriturismi, qualora non ancora avvenuto.

I vari Agriturismi, favoriti nel passato anche con contributi economici a perdere, per avvicinare gli abitanti della città alle zone agricole, fa presente la Segreteria della Cisas, si sono invece trasformati – da anni e per lo più – in vere imprese di ristorazione,  quasi sempre collettiva, con scarso utilizzo dei prodotti agricoli e con servizi scadenti. Non tengono presente nemmeno che i cittadini per arrivare a loro devono utilizzare auto perdendo tempo, denaro e correndo rischi di incidenti stradali.

Carenti la sicurezza e l’igiene nonostante i prezzi, spesso superiori ai ristoranti e trattorie delle città, mentre i lavoratori sono da essi utilizzati quasi sempre al nero e senza alcuna professionalità. In alcuni Agriturismi, sarebbe  presente l’amianto, non ancora eliminato.

Molti Agriturismi, evidenzia la Cisas,  sono divenuti dei veri centri Spa, che non vengono quasi mai controllati dall’Asl e dagli altri Enti.

Al contrario, i ristoranti di città praticano ai clienti prezzi spesso inferiori a quelli praticati dagli agriturismi nonostante i costi elevati per fitti e per servizi erogati in modo più qualificato, fornendo anche una ristorazione individuale ed  utilizzando personale, per lo più fisso e spesso anche regolarmente assicurato.

La Segreteria della Cisas lancia un appello ai vari Uffici preposti per monitorare, al più presto, i numerosi agriturismi esistenti nella provincia di Caserta.

 

Open