Dom. Ago 25th, 2019

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Caserta. AITF, convegno di grande successo sull’Amerigo Vespucci

3 min read

CASERTA. “Bisogna proprio inventarsele tutte per riuscire a meglio sensibilizzare la cittadinanza sulla necessità di donare gli organi”

sostiene Franco Martino, presidente dell’AITF provinciale di Caserta.

E’ nata così l’dea partorita dall’apposito comitato “ tecnico/sociale” coordinato da Maria Rosaria Focaccio, di cui, oltre allo staff tecnico, fanno parte tutte le Associazioni di trapiantati e di donatori operanti nelle cinque provincie della regione, istituito presso l’ASL Napoli 1 centro e presso il CRT della Campania, di suggerire all’Ammiragliato della Marina Militare di poter utilizzare la prestigiosa nave scuola, conosciuta e invidiataci da tutto il mondo, quale sede di svolgimento di un seminario sulla donazione e sul trapianto. E la Marina militare, confermando l’autentico spirito di solidarietà che storicamente caratterizza il suo operato nel salvare vite umane, non si è fatta pregare più di tanto, rendendosi subito disponibile ad accogliere la richiesta, offrendo, oltretutto, anche un meraviglioso concerto con la propria banda, la cui esibizione ha fatto seguito al termine dell’affollata conferenza. Alle interessanti argomentazioni dei relatori – fra i quali Antonio Corcione, direttore del CRT e Franco Martino in rappresentanza di tutte le Associazioni di volontariato – egregiamente moderate da Mario Forlenza, D.G. dell’Asl Napoli 1, hanno assistito circa 200 persone, di cui numerose Autorità civili e militari. L’AITF casertana ha partecipato all’evento con una delegazione molto numerosa che, per essere trasportata sul posto, c’è stato bisogno di noleggiare un pullman, oltre a coloro che hanno utilizzato proprie autovetture. Nel suo breve intervento, Martino ha voluto indirizzare, fra gli altri, un caloroso e sentito ringraziamento alla Marina Militare Italiana, nelle persone dei suoi massimi esponenti: il Capo di S.M. Ammiraglio Valter Girardelli , il Comandante Logistico, Ammiraglio Eduardo Serra e il Comandante dell’A. Vespucci , Roberto Recchia. “Il sollecitare frequentemente queste iniziative – ha continuato Martino – viene dalla consapevolezza di dover fare presto. Molto presto, per ottenere più donazioni. Noi siamo il megafono attraverso il quale si fa sentire la voce di quei 9500 disperati che, da tanto, troppo tempo, permangono nelle lunghe liste di attesa, dei quali ogni anno circa 450 muoiono perché l’organo che aspettano non arriva in tempo. (450… più di uno al giorno!) Allora ecco che avanza la speranza che la vasta eco mediatica che di solito questi eventi producono, possa per davvero costituire quell’utile viatico attraverso il quale riuscire meglio a sensibilizzare l’opinione pubblica su queste tematiche che, nonostante certi piccoli progressi, ancora ci vedono come fanalino di coda dell’intero paese”.

Leggi anche:

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Potrebbe interessarti

Open