• Ven. Ott 22nd, 2021

Caserta. Al Sant'Anna e San Sebastiano la buona sanità si unisce alla solidarietà!

CASERTA. Ieri, 16 aprile 2019, si è svolto il programmato incontro in ospedale con gli studenti del Liceo “Amaldi – Nevio” di Santa Maria Capua Vetere, rientrante nell’ambito del progetto di rete “Nuovi volontari crescono, edizione 2019” bandito dal CSV Assovoce, al quale hanno aderito le Associazioni di volontariato: Aitf, Aido, Kairos, Emmepi4ever, Aism e Pissipoo. Gli studenti arrivati in ospedale intorno alle 13:30, accompagnati dalle loro docenti, sono stati accolti presso la sede operativa dell’AITF provinciale di Caserta dal presidente, Dott. Franco Martino, il quale dopo aver dato loro il benvenuto anche a nome del Direttore Generale, Dott. Mario Ferrante, – che ha acconsentito alla realizzazione dell’iniziativa – ha tracciato una panoramica delle varie strutture sanitarie che operano all’interno dell’Azienda ospedaliera, la maggior parte delle quali di assoluta e rinomata eccellenza, ponendo l’accento sul fatto che bisogna assolutamente convincersi che la buona sanità esiste ed è praticata molto bene anche nel nostro ospedale; e non solo negli ospedali del nord come tanti ancora erroneamente pensano. La tradizionale manifestazione, operata congiuntamente alla Kairos, presieduta dalla Dott.ssa Ida Bocchino, permette di cogliere l’occasione per sensibilizzare i giovani alle più nobili forme di cittadinanza attiva, l’agire solidale e, soprattutto, alla donazione degli organi, perché fermamente convinti che la solidarietà debba essere costantemente coltivata, soprattutto nelle nuove generazioni, per poter crescere sempre più e formare, quindi, una società migliore. La scolaresca è stato suddivisa in due gruppi che si sono poi alternati e scambiati: il primo si è spostato presso la U.O.C. di Nefrologia dove c’era ad attenderli la Dott.ssa Carmen Pascale, la quale, dopo aver brillantemente illustrato agli studenti le attività svolte quotidianamente ha consentito loro di poter accedere ai locali riservati alla dialisi dove, nel massimo rispetto che si deve all’interno di un reparto ospedaliero, hanno potuto apprendere il funzionamento di un rene artificiale, momento rivelatosi assai interessante per i giovani. Il secondo, presso la UOSD Fisiopatologia epatica SATTE, ove li attendeva il Dott. Guido Piai, che ha brillantemente spiegato le attività svolte nell’assistenza ai trapiantati e trapiantandi di fegato, nel pre e post trapianto epatico, soffermandosi in particolare sulle apparecchiature in dotazione al reparto, definite di di ultimissima generazione, quali il Fibroscan con modulo CAP e il super ecografo da poco arrivato. L’incontro è proseguito in una sala del secondo piano nella quale, dopo i rituali ringraziamenti ai partecipanti, il Presidente Martino invitava tutti ad avvicinarsi al tavolo imbandito per azzannare il lauto buffet appositamente preparato da offrire agli ospiti per la circostanza. L’attenzione ed il coinvolgimento emotivo appalesatosi sui volti dei presenti conferma ulteriormente l’idea che esperienze come questa, oltre ad arricchire il bagaglio conoscitivo dei giovani studenti, rappresentano un’occasione in grado di lasciare per davvero il segno nella memoria collettiva, impreziosendo, così, il loro patrimonio sociale.

Leggi anche:

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru