• Gio. Ott 21st, 2021

Caserta. Al Teatro Don Bosco il 19 gennaio uno spettacolo da non perdere

CASERTA. Grande attesa per l’evento “Come i Curumba”,

uno spettacolo teatrale molto interessante organizzato dall’associazione culturale “30Allora” per il 19 gennaio presso il Teatro Don Bosco di Caserta.

Fondata nel 1998, l’associazione “30Allora” è una delle più importanti di tutto il territorio campano nell’ambito della divulgazione della cultura. Per il 2019 l’associazione ha già in programma tre spettacoli teatrali e, a breve, aprirà uno spazio teatrale dal nome Spazio Méliès allo scopo di organizzare tanti eventi artistici che possano avvicinare tutti i cittadini al teatro e, in generale, alla cultura.

È una storia avvincente quella di Maria Teresa, protagonista dello spettacolo, che, avendo un’idea dell’amore molto originale, sposa due uomini estremamente diversi tra loro. Con il nome di Maria, la protagonista scrittrice incarna la moglie di Giorgio, un professore di matematica pignolo e paranoico, mentre quando si trasforma in Teresa diventa la moglie di Danny, un cantante neomelodico alla ricerca di una forte ispirazione che lo spinga a superare il blocco tipico degli artisti. Maria Teresa è convinta che l’amore non debba essere un sentimento soffocante e quindi cerca di dividerlo trascorrendo periodi alterni con entrambi i mariti con l’aiuto di Sara, la sua editrice stravagante e sopra le righe. Quando, poi, Giorgio e Danny si conoscono per caso l’equilibrio dell’amore perfetto costruito da Maria Teresa si rompe cambiando il destino di tutti i personaggi. Una storia intrigante che lascia con il fiato sospeso, una storia al limite tra la realtà e l’immaginazione dove prevale senz’altro il sentimento dell’amore, quello vissuto con sfumature di leggerezza, ma anche con un tocco drammatico per lasciare, così, un insegnamento importante a tutto il pubblico.

Leggi anche:

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru