• Ven. Ott 22nd, 2021

Caserta. ASL 15, in sciopero oggi anche i ‘pediatri di base’. Il comunicato del Dott. Iannotta

DiThomas Scalera

Dic 16, 2015
Emilio Iannotta
Emilio Iannotta

CASERTA. Al fine di evitare, per quanto possibile, disservizi e inutili attese, il Dottor Emilio Iannotta, pediatra di famiglia delegato della Federazione Italiana Medici Pediatri (F.I.M.P.) per il Distretto Sanitario 15 dell’ASL di Caserta, ha divulgato un comunicato attraverso il quale  rende noto che anche i pediatri titolari di convenzione con il distretto sanitario ASL15 aderiscono allo sciopero che mercoledì 16 dicembre riguarderà tutta la medicina, ospedaliera e del territorio, a difesa del Servizio Sanitario Nazionale (SSN):

“Ci teniamo ad informare la cittadinanza, i pazienti e le Istituzioni del territorio che quello di mercoledì 16 dicembre non è uno sciopero per rivendicare per noi stessi miglioramenti contrattuali, economici o normativi.
Vuole invece essere un forte segnale alla classe politica e al Governo affinchè vengano mantenuti saldi i principi che sono alla base della legge istitutiva del nostro Servizio Sanitario Nazionale che non possono e non devono essere scardinati per seguire soluzioni miopi frutto di una visione ragionieristica dello Stato.
Con la scelta sofferta dello sciopero intendiamo lanciare un grido d’allarme rivolto alle classi dirigenti del Paese e alle famiglie per il futuro del sistema delle cure nel nostro Paese e per la sua sostenibilità, a garanzia del mantenimento di un’assistenza sanitaria pubblica, universale e solidale.
I pediatri di famiglia sostengono la necessità di difendere il SSN pubblico da una incipiente tendenza verso la privatizzazione, considerato che sono sempre meno le risorse destinate al SSN, sempre meno i servizi, le prestazioni e i farmaci erogabili in convenzione ai pazienti, sempre più pesante il carico burocratico imposto ai medici pubblici che rischiano di dedicare maggior tempo a circolari e formalità che alla cura attenta dei propri assistiti.
Inoltre, con lo sciopero rivendichiamo l’opportunità di superare le differenze regionali nei modelli di assistenza al cittadino, perché non possiamo avere una sanità pubblica diversa per ogni regione, con ricadute evidenti sul finanziamento dello Stato e, quindi, sulla qualità delle cure.
Ancora rivendichiamo un profondo cambiamento nella gestione e nella programmazione del SSN che non può continuare ad essere devoluto alla politica tenendo fuori la classe medica, che, invece, non dovendo rincorrere consenso elettorale, sicuramente meglio potrebbe assicurare qualità delle cure e sostenibilità economica del sistema.
Infine con lo sciopero vogliamo sollecitare una attenta politica pensionistica, il rispetto degli orari di lavoro e dei contratti, la copertura dei posti carenti negli ospedali, al fine di favorire l’inserimento nell’attività occupazionale dei giovani medici. In ogni caso cercheremo di limitare per quanto possibile i disservizi, avvertendo i singoli pazienti e spostando gli appuntamenti, e assicureremo le prestazioni urgenti.
Dott. Emilio Iannotta
Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru