Mer. Mag 27th, 2020

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Caserta. Bacino di crisi di Caserta, i lavoratori: “Senza reddito dove finiremo?”

2 min read
EVENTI IN EVIDENZA

12963897_512991465576241_7336177027379825337_n

CASERTA. Stiamo assistendo ad una discriminazione vergognosa. Sembra di essere tornati a rivivere la lotta che c’era in America tra bianchi e neri, nel periodo del Ku klux klan. Qui la problematica è ancora più critica, assistiamo ad una vigliaccata assurda. Il decreto regionale riserva i corsi di formazione solo a coloro che nel triennio 2012/2013/ 2014 hanno usufruito di ammortizzatori in deroga. Ad oggi la politica avvia una spaventosa discriminazione tra i lavoratori. Uno scandalo assoluto non ci sono parole per descrivere questa assurdità, che per noi lavoratori sancisce la fine di tutto. I lavoratori che hanno usufruito di deroga, di cassa integrazione, di mobilità dove andranno a finire, mica andranno a finire in un gabinetto, così verranno dimenticati per sempre – senza che nessuno muova un dito. Smettetela di farvi grandi, ad oggi voi siete solo il nulla cari politici, oggi bisogna dare una risposta su che fine faranno i tanti ex lavoratori 50enni fatti fuori anche dai corsi di formazione, senza sostegno ma soprattutto senza reddito. Finitela di fare demagogia, siete la mediocrità assoluta. Caro Presidente De Luca, caro Assessore Palmeri, cosa dirvi ora più che mai avete il futuro di questi poveri lavoratori nelle vostre mani, se avete umanità cercate di alzare la voce con il Governo. L’umanità oggi è importante, solo con l’umanità si può evitare una tragica distruzione dei sani principi familiari, tra questi lavoratori. Cosa aspettiamo la fine di tutto!

Bacino di Crisi di Caserta

SOSTIENICI!
In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a V-news.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, di qualunque tipo possiate farlo, fondamentale per il nostro lavoro.
Siamo un progetto no-profit di comunicazione assolutamente innovativo in Italia e rimarremo sempre tali.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie, Thomas Scalera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open

Close