Sab. Mag 30th, 2020

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Caserta/Benevento. Furti in garage privati: tre arresti

2 min read
EVENTI IN EVIDENZA

Almeno 15 i colpi messi a segno tra Caserta e Benevento

CASERTA/BENEVENTO. Tre uomini responsabili di numerosi furti in garage privati a Caserta e Benevento sono stati individuati ed arrestati dalla Squadra Mobile di Caserta.

Almeno 15 i colpi messi a segno in più di due anni e mezzo di distanza dai tre componenti della banda, che agiva sempre con la stessa tecnica: dopo aver praticato un foro nel box, vicino alla serratura, riuscivano ad entrare nel locale e rubavano tutto quanto trovavano.

In una occasione la Polizia intercettò un’auto carica di refurtiva, ma uno dei componenti della banda, Antonio Celardo, 31 anni, di Afragola, in provincia di Napoli, cercò di sviare le indagini denunciando il furto dell’auto.

In un raid compiuto nell’aprile 2017 la banda forzò ben 10 box auto a Caserta, svaligiandone tre.

Arrestato anche il 44 enne Domenico Taddeo, anche lui di Afragola, come un terzo componente della banda, di 47 anni, per il quale è stato disposto dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere l’obbligo di dimora nel Comune di residenza.

SOSTIENICI!
In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a V-news.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, di qualunque tipo possiate farlo, fondamentale per il nostro lavoro.
Siamo un progetto no-profit di comunicazione assolutamente innovativo in Italia e rimarremo sempre tali.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie, Thomas Scalera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open

Close