• Dom. Ott 17th, 2021

Caserta. Blitz della Gdf in 10 comuni, il Colonnello Senatore: “Non ci sono elementi che riconducono ad infiltrazioni camorristiche”

DiThomas Scalera

Dic 13, 2015
Il Colonnello Gaetano Senatore
Il Colonnello Gaetano Senatore

GIOIA SANNITICA. Trapelano le prime, lapidarie, indiscrezioni da parte di alcuni dei protagonisti del blitz effettuato dalla Guardia di Finanza giovedì scorso in ben dieci Comuni dell’Alto Casertano e della Provincia di Caserta, in merito alla vicenda dell’acquisizione della documentazione presso uffici tecnici e lavori pubblici degli Enti. Il Comandante del Nucleo di Polizia Tributaria di Caserta, Colonnello Gaetano Senatore, sgombra subito ombre e dubbi: “Non ci sono elementi che possano far pensare ad infiltrazioni camorristiche, ma si indaga su altri versanti”. Laddove poteva essere necessaria questa dichiarazione, se non altro c’è la consapevolezza che il Matese e in generale gli altri Enti coinvolti in questa faccenda sono fuori dal “sistema”. E ciò, almeno per i tanti residenti dell’area matesina che non sono avvezzi a vicende che invece hanno riguardato ben altre aree della Provincia di Caserta e dalla Provincia di Napoli, vuol dire tanto. Anche lo stesso Gino Imperadore, in un breve commento rilasciato ad una cronista che lo interpellato telefonicamente ha risposto: “Abbiamo fiducia nella giustizia, anche se questa visita ci ha amareggiato, ma attendiamo che sia fatta luce su tutta questa vicenda. Ancora non ho capito di che cosa, nello specifico sono accusato. Ho dato mandato ai miei legali di fare chiarezza su questa vicenda…” Le stesse aspettative sono quelle degli oltre 200 dipendenti della ditta “Termotetti” che sfamano altrettante famiglie. Per ora, stante le notizie fin qui apprese, una notizia c’è, ovvero i clan non c’entrano in questa vicenda.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru