• Ven. Ott 22nd, 2021

Caserta. Direttore Reggia Felicori replica a turiste trevigiane: “Dobbiamo migliorare”

DiThomas Scalera

Set 23, 2015
mauro-felicori
Mauro Felicori

CASERTA. Così il neo direttore Reggia di Caserta Mauro Felicori replica alle critiche mosse da due turiste il cui video è stato diffuso in rete: “Di recente è apparsa in rete una video-intervista a due turiste trevigiane, critiche verso taluni aspetti della gestione della Reggia di Caserta, parole che mi hanno dato un vero dolore e, anche se ancora non mi sono insediato come direttore, ho chiesto ai colleghi, che mi dicono: effettivamente la dotazione di un solo bagno per uomini e per donne nel self service è insufficiente, ma purtroppo gli ambienti storici spesso pongono ostacoli alla funzionalità, vale dunque il doppio l’educazione del pubblico; in ogni caso nella Reggia sono comunque funzionanti i servizi destinati ai visitatori, ubicati a pochi metri, con molti bagni ristrutturati di recente; per quanto riguarda la mancata areazione delle sale dell’appartamento storico è opportuno sapere che i raggi solari e il calore danneggiano arredi, stucchi e dorature, che gli infissi, dotati di vetro isolante e filtro dei raggi ultravioletti debbono perciò rimanere chiusi nelle ore calde; che in molti tratti della facciata, coperti dai ponteggi del cantiere di restauro in corso, le finestre sono protette da acqua e polveri con teli di plastica, che nella biblioteca palatina gli scuri sono chiusi per proteggere i volumi in mostra, tutte condizioni che limitano la circolazione dell’aria ma sono ben motivate da ragioni di tutela; è vero infine che i custodi non dovrebbero chiacchierare, anche se talvolta devono parlarsi per ragioni di servizio; concludendo: dobbiamo migliorare, certo, e lo faremo, ma la visita alla reggia resta comunque una esperienza meravigliosa”.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru