Antica Terra di LavoroBreaking NewsCasertaCoronavirus

Caserta. Don Primo Poggi clinicamente guarito dal coronavirus

Il sacerdote era risultato positivo al covid-19 la scorsa settimana

Buone notizie dal Santuario di Santa Lucia nella frazione di Centurano (Caserta), dal quale nella serata di ieri è arrivato l’esito negativo del tampone per Don Primo Poggi, per anni guida del Santuario sito in zona Cerasole. Il prete era risultato positivo in seguito allo screening sui collaboratori stretti del Vescovo (deceduto nella giornata di domenica) dopo che il 30 settembre quest’ultimo era risultato positivo. La parrocchia era stata immediatamente chiusa e sanificata. L’annuncio della negatività al tampone è stato dato dalla perpetua Anna, che lo ha accudito in questi giorni nella storica abitazione del parroco, interna al perimetro della chiesa di Santa Lucia. Si aspetta la conferma del secondo tampone negativo per essere considerato totalmente guarito. Seguiranno aggiornamenti

Don Primo negli ultimi giorni era stato vittima di una fake news di pessimo gusto riguardo la sua improvvisa morte. Il parroco, stando a quanto riferito dai collaboratori, è stato curato interamente nella sua casa, dove sin dai primi giorni era considerato, compatibilmente con la sua età, in “buone condizioni di umore e di salute”. Pochi giorni fa aveva impartito una benedizione ai suoi seguaci tramite il profilo Facebook della Chiesa di Santa Lucia.

Don Primo è nato il 6 settembre 1935 in provincia di Piacenza; è da molti considerato un mistico e asceta, oltre ad avere fama di esorcista. Rettore del Santuario di Santa Lucia dal 1988, lo scorso anno è stato sollevato dall’incarico per raggiunti limiti d’età e la parrocchia è da allora retta da Don Sergio Adimari. E’ stato il padre spirituale della Serva di Dio Rossella Petrellese, morta nel 1994.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

What is your reaction?

Excited
0
Happy
4
In Love
0
Not Sure
0
Silly
1
Pasquale Malatesta
Mi chiamo Pasquale, scrivo da Caserta, ho 19 anni e frequento il secondo anno della facoltà di Economia dell' Università "Luigi Vanvitelli" a Capua.

    Comments are closed.