Antica Terra di LavoroCasertaEventiNewsReggia di Caserta

Caserta. La “Tavola del Re” alla Reggia. Grande successo della manifestazione

Nuovo grandissimo evento culturale svolto alla Reggia di Caserta durante i giorni di sabato 16 e domenica 17. Presso la Sala Romanelli del Palazzo Reale neoclassico è avvenuta infatti nel pomeriggio di sabato e nella mattinata di domenica una vera e propria storia della gastronomia reale nel ‘700 e nell’ ‘800, a cura del prof. Fabrizio Mangoni. Il professore, in veste di narratore, Antonio Tubelli nella parte del cuoco di corte, insieme alle musiche di Max Carola e alla grafica di Caterina Marmo ha accompagnato gli spettatori in un raffinato viaggio immaginario in cui sono state presentate le pietanze e il modo in cui venivano preparate durante il periodo in cui Caserta era ancora sotto la dominazione dei Borboni.

La presentazione ha avuto la durata di circa un’ora, nel pomeriggio di sabato è iniziata alle 19:30 ed è terminata intorno alle 21:00, mentre la mattina del giorno seguente ha avuto luogo alle 13:00 ed è terminata verso le 14:00. Il racconto è stato ideato e realizzato nell’ambito del Mumex, il “Progetto pilota Poli museali di eccellenza nel Mezzogiorno” promosso dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (MiBACT) e realizzato da Invitalia. La   storia è partita dal lontano 1773, anno in cui la cucina francese sbarcò alla corte di Spagna e proprio da lì cominciarono le prime sperimentazioni culinarie e innovazioni gastronomiche che portarono a collegare la cucina e la politica. Nella seconda parte si è trattato della riorganizzazione delle cucine reali sotto il regno di Carlo III con le annesse trasformazioni culinarie all’interno degli stessi piatti cucinati per i reali, mentre per finire nella terza parte della conferenza è stata descritta la preparazione dei piatti e la tavola del re sotto il regno di Ferdinando I, ossia nel periodo in cui si è potuto dire che la cucina reale si sia “napoletanizzata”. A rendere più interessante quest’ultima parte vi sono state anche due interviste immaginarie in cui il prof. Mangoni è stato l’interlocutore di due cuochi dell’epoca di Ferdinando I, Antonio Latini e Vincenzo Corrado, interpretati rispettivamente da Enzo Salomone e Nello Mascia. Nella seconda parte della “giornata reale”, sicuramente la più “gustosa”, gli spettatori presenti alla conferenza hanno avuto la possibilità di assaggiare alcune delle prelibatezze cucinate all’interno della Reggia nel ‘700 e nel primo Ottocento, quali i vari piatti a base di pomodoro (Budino di pomodoro, Crocchette di pomodoro, pomodori all’italiana), alimento da poco tempo introdotto in Italia dall’America oltre a alcune altre specialità come il Timballo alla Pompadur o la Zuppetta di Cavolfiore e Torzelle, ma anche pietanze la cui ricetta in realtà era originaria di altri paesi, come i Mostachones, realizzati per la prima volta in Italia, che poi nel nostro paese cambieranno nome e diventeranno quelli che oggi “Mustacciuoli”. In questo modo si può ben dire che gli spettatori, accolti nella sala subito successiva, abbiano mangiato “da re”. L’evento è stato chiuso tra qualche polemiche e alcuni disservizi sull’organizzazione tecnica del catering

Le attrici Isabella Ferrari e Iaia Forte in visita alla Reggia di Caserta

Caserta. Reggia, apertura "Domeniche al museo" il 5 giugno

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
Pasquale Malatesta
Mi chiamo Pasquale, scrivo da Caserta, ho 19 anni e frequento il secondo anno della facoltà di Economia dell' Università "Luigi Vanvitelli" a Capua.

    Comments are closed.

    Next Article:

    0 %
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: