• Sab. Ott 16th, 2021

Caserta. Lavoro nero, ecco i settori dove regna il fenomeno. Urgono interventi mirati

DiThomas Scalera

Set 15, 2016

lavoro-nero
CASERTA. La Segreteria della Confederazione Cisas interviene di nuovo sulla grossa problematica del Lavoro nero evidenziando i mancati interventi in materia da parte degli Enti preposti.
Nonostante i tanti Comitati e Commissioni, il sommerso continua a non emergere, mentre tiene sempre banco la problematica del “Lavoro Nero”, che non si riesce a far emergere nonostante le continue agevolazioni alle Aziende.
È proprio nei settori Edilizia, Agricoltura, Terziario e Confezioni in serie che si allarga sempre di più il “buco nero”, ove regna sovrano il lavoro nero, specie in quelle Aziende, che utilizzano provvedimenti di Cassa Integrazione e di Mobilità, denuncia la Cisas.
Gli ultimi incentivi alle Aziende non sono serviti a creare Occupazione, ma solo ad incrementare il lavoro nero. Il numero dei disoccupati, specie i giovani nel Sud, continua ad aumentare, nonostante che spesso vengono considerati statisticamente come “occupazione” anche i trasferimenti ed il lavoro di pochi giorni.
Nella grande Industria continua a diminuire fortemente il numero degli addetti.
Si deve evidenziare – afferma la Cisas – che in Italia non si riesce a coprire migliaia di posti per carenza di qualifiche professionali, occorrenti al mercato del lavoro, nonostante i miliardi spesi per un Addestramento Professionale obsoleto e di solo parcheggio per i disoccupati, senza pensare al futuro dei giovani.
Il problema occupazionale resta sempre l’argomento del giorno, mentre si sono sprecati miliardi per alimentare assistenzialismo e disoccupazione, solo raramente denunciati dagli altri sindacati.
Nel casertano si registra, di fatto, un forte incremento del tasso di disoccupazione, specie giovanile. La causa vera è senz’altro quella del lavoro nero, come evidenziato dalla Guardia di Finanza e dalla Direzione Territoriale del Lavoro.
L’evasione contributiva è diventato un fenomeno preoccupante, stando alle ultime stime e controlli delle autorità preposte. Su 5 lavoratori effettivi, oltre 3 lavorano a nero.
Il fenomeno si verifica in misura maggiore nelle Piccole e Medie Imprese, che spesso ricorrono a tale sistema per produrre a costi inferiori rispetto ad altre aziende similari o per farsi assegnare determinati lavori, praticando forti ribassi. Ciò si verifica principalmente fra le Aziende edili, che eseguono lavori per conto di Enti Pubblici, ove si ha anche un incremento degli infortuni, nota la Cisas.
Qui, vi sono omissioni contributive di oltre il 50%, mentre nelle grandi Aziende, l’evasione riguarda – in genere – il lavoro straordinario. Per ridurre detto fenomeno, bisognerebbe intensificare la Vigilanza presso le Aziende, ma ciò rende indispensabile il potenziamento degli Organici dei vari Enti ed un loro migliore coordinamento per evitare duplicazioni di visite ispettive.
Con i Lavori Stagionali in Agricoltura, Turismo, Pubblici Servizi, Strutture balneari ed Alberghiere, il lavoro nero è notevolmente cresciuto. Si dovrebbe, afferma la Cisas, almeno nel mese di Settembre, aumentare i controlli della Guardia di Finanza, Carabinieri, Direzione Territoriale del Lavoro e Capitaneria di Porto, i quali possono operare anche in orari particolari.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru