Lun. Set 23rd, 2019

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Caserta. “Le Costituenti nella memoria”, dal 31 maggio al 15 giugno la mostra

3 min read

Una mostra che ripercorre la storia delle 21 Madri Costituenti

CASERTA. L’associazione Toponomastica Femminile, con il Patrocinio del Comune di Caserta e dell’Ordine degli Avvocati Foro di Santa Maria Capua Vetere,  cura e allestisce una mostra che ripercorre la storia delle 21 Madri Costituenti; tale mostra riassume l’attività politica delle donne che appare ancora oggi particolarmente attuale.

Le 21 Madri Costituenti rappresentano l’esempio del valore culturale, sociale e politico del genere femminile a cui, in quegli anni, si era appena concesso il diritto al voto.

Il 2 giugno 1946, per la prima volta, le italiane si recarono alle urne per scegliere la forma di governo da dare al Paese ed eleggere l’Assemblea Costituente.

Il voto, maschile e femminile, indicò 556 nominativi, di cui 21 donne.

Il 25 giugno 1946, nel Palazzo di Montecitorio, l’Assemblea Costituente si riunì in prima seduta con il compito di redigere la nuova Costituzione, approvare i trattati internazionali e le leggi in bilancio, votare la fiducia al governo.

Al suo interno erano presenti ventuno donne, molte antifasciste e protagoniste nella resistenza, con la volontà democratica di contribuire attivamente alla vita politica, segnando una tappa indimenticabile nella storia italiana.

Alle 21 Madri Costituenti va il riconoscimento di aver fissato nella Costituzione italiana i principi della non discriminazione delle donne davanti alla legge (art.3) e nelle attività lavorative (art.37), il loro diritto al voto (art 48), l’accesso alle cariche pubbliche e la parità di condizione fra donna e uomo (art. 51).

L’associazione organizza tale mostra al fine del recupero della memoria storica  di figure femminili nella convinzione che per costruire una società più giusta, basata su modelli paritari le nuove generazioni hanno bisogno di nuovi e diversificati modelli di riferimento femminili perché di maschili ne hanno già molti.

Immagini storiche, foto attuali e targhe stradali di donne che da sempre agiscono nell’ombra e in piena luce, davanti a una metà del mondo che non ha occhi per notarle; l’intitolazione di vie, piazze e giardini dedicati, in diverse città, oltre a rendere merito alle protagoniste della neonata Repubblica e al loro impegno ai più alti livelli delle istituzioni, consente alle giovani generazioni di percepire, assimilare e ritrasmettere il valore di una cittadinanza paritaria.

La mostra sarà inaugurata il 31 maggio 2019  ore 17:00

Nella Biblioteca “Alfonso Ruggiero” Caserta. Ingresso da via Roberto Lodati n. 7

Saluti

Carlo Marino

Sindaco

Tiziana Petrillo

Assessora Cultura

Maddalena Corvino

Assessora Pari Opportunità

Drusilla De Nicola

Presidente Commissione Pari  Opportunità  

Maria Pia Ercolini

Presidente  Nazionale Toponomastica Femminile

Giuliana Cacciapuoti

Referente Regionale Toponomastica Femminile

Nadia Marra

Referente Provinciale Toponomastica Femminile

Interventi

Marianna Pignata

“Donne tutte sorgete!”. I diritti delle donne nella storia.

Nadia Verdile

“Eran ventuno, eran giovani e forti, e non sono morte”.

Mostra dal 31 maggio al 15 giugno.

orari di apertura – orari della biblioteca:

Dal lunedì al venerdì: 09:00 – 19:30;

Sabato: 09:00 – 13:30;

Domenica: Chiuso.

 

Ingresso libero.

L’ingresso per l’inaugurazione della mostra ed il sabato mattina da via Roberto Lodati n. 7.

L’ingresso dal lunedì al venerdì da via Capitano Luigi Laviano n. 65.

Nadia Marra

Referente provinciale 

Gruppo Toponomastica Femminile Caserta

Toponomastica femminile gruppo casertano:

Nadia Marra, Castel Morrone (CE) – Nadia Verdile, Caserta

Fosca Pizzaroni, Caserta – Dolores Peduto, San Nicola la Strada (CE)

Orsola Ferraro, Limatola (BN) – Claudia Frisoni, Caserta

Antonella Santoro, Caserta – Cinzia Battista, Caserta

Rosamaria Petrella, Caserta – Concetta Bologna, San Leucio di Caserta

Angelina Della Valle, Santa Maria Capua Vetere (CE) – Olga Coleti, Caserta

Lisa Masotta, Santa Maria Capua Vetere (CE)- Rosa Maria Clemente, Caserta

Rosaria Monaco, Caserta – Maddalena Casertano, Caserta

Anna Di Marco, Caserta – Maria Calandra, Caserta

Maria Antonietta Scaringi, Casolla di Caserta

Fernanda D’Ambrogio, Caserta – Angela Raucci, Caserta

Leggi anche:

Vairano. “Anziano Fragile”, grande successo del convegno dell’ANCESCAO

Aversa. “Maggio negli occhi”:l’esordio di una giovane scrittrice casertana con un bellissimo libro autobiografico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open