AmbienteAntica Terra di LavoroCasertaNewsPolitica

Caserta. M5S: “Ritirare i fondi europei concessi al Comune per il biodigestore”

Interrogazione al Senato. I parlamentari valutano anche l’esposto

CASERTA. “E’ la terza interrogazione che depositiamo in Senato sulla questione biodigestore a Caserta, ormai è evidente che non si tratta di voler organizzare il ciclo dei rifiuti avendo cambiato localizzazione a questo impianto 4 volte in 4 anni. Abbiamo riscontrato inoltre numerose violazioni, pertanto chiediamo al Governo che vengano ritirati subito i fondi europei concessi dalla Regione Campania al Comune di Caserta”. Lo ha dichiarato la senatrice casertana Vilma Moronese portavoce del MoVimento 5 Stelle e Presidente della commissione ambiente del Senato, che ha depositato un’interrogazione indirizzata alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e al Ministro dell’Ambiente Sergio Costa.

Tra i firmatari dell’atto ispettivo c’è anche il senatore Agostino Santillo, anch’egli casertano, che commenta: “il Comune di Caserta, sulla vicenda biodigestore ha sbagliato impostazione, non coinvolgendo in nessun modo la cittadinanza, e proponendo localizzazioni dell’impianto che sembrano state fatte di proposito non tenendo in considerazione i vincoli già esistenti, non abbiamo mai condiviso e ci siamo opposti sin dal primo giorno a queste scelte che come M5S reputiamo sbagliatissime per la salute dei cittadini”.

“Non sono da sottovalutare secondo noi alcuni episodi accaduti in questi 4 anni – aggiunge Moronese – in cui il Comune voleva piazzare questo biodigestore prima a Ponteselice, poi a Lo Uttaro, poi a Gradilli e oggi a Garzano in una cava dismessa – continua – e mi riferisco a quello che abbiamo appreso tempo fa sui giornali, quando un’indagine della Direzione Distrettuale Antimafia portò i Carabinieri del N.O.E. di Roma a perquisire la casa, lo studio del Sindaco e gli uffici del Comune. Ecco se a questo aggiungiamo che dopo tre giorni il Sindaco si dimise dalla carica di Presidente dell’ATO rifiuti, e sommiamo alcune consulenze che ha disposto il Comune a valere sull’anticipo dei 26.5 milioni di euro che provvisoriamente ha concesso la Regione Campania, ci viene qualche sospetto. In questi anni – prosegue – abbiamo puntualmente denunciato tutto tramite atti pubblici attraverso le interrogazioni, adesso però se non verranno revocati immediatamente questi fondi al Comune che si stanno via via prosciugando per un impianto sbagliato e che molto probabilmente non vedrà mai la luce, vorrà dire che ci vedremo costretti a unire i puntini e valutare un esposto alla Procura competente, anche per mala gestione di fondi pubblici”.

Qui è disponibile il testo dell’interrogazione
http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/print/18/Sindisp/0/1150458/0

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
Redazione V-news.it
Il bot redazionale

    Comments are closed.